n u v o l e (100)

3 Mar
photo by margherita calati

photo by margherita calati

Ho voglia di nuvole basse, di grigio uniforme che accorci il cielo alla terra, di luce soffusa, radiosa, non sole non luna, ho voglia di nuvole svelte da inseguire in collina, i bordi precisi, taglienti, da toccare con mano curiosa e bucare, ho sete di nuvole grasse, pesanti promesse di pioggia che lavi la neve e bagni le gemme, io ramo, io tronco, io nudo, io volpe, cinghiale, poiana, io capro che espia i peccati a venire, io aspetto assetato quell’acqua che venga a pulire le scorie, che tolga sporcizia e candore, prima che da capo cominci la vita.

Annunci

12 Risposte to “n u v o l e (100)”

  1. Jihan 3 marzo 2013 a 23:19 #

    ohibò
    Inverno che vuole “farsi” Primavera!

    cento di questi giorni 🙂

    • massimolegnani 4 marzo 2013 a 22:24 #

      Eheh, piu che altro e’ desiderio di ritemprarsi, ho vissuto l’inverno alla lettera…letargo!
      Ciao
      ml

  2. penna bianca 3 marzo 2013 a 23:30 #

    Il tempo aiuta. E non solo quando c’è il sole. Da mercoledì potresti essere accontentato per le pulizie di primavera 🙂 Ciao

    • massimolegnani 4 marzo 2013 a 22:26 #

      Verra’ a piovere? Bene..mercoledi mi sdraio in giardino!
      Ciao
      ml

  3. gelsobianco 4 marzo 2013 a 21:11 #

    Splendida e perfetta, per come ho inteso io “nuvole”, la fotografia di Margherita Calati che disegna una “croce”. “io capro che espia i peccati a venire” Trovo molto bello questo scritto, molto profondo. Ritorno con calma. Un sorriso gb

    • massimolegnani 4 marzo 2013 a 22:28 #

      Alla croce non ho avevo pensato, o meglio ho usato una sua foto nata per altro, forse col senso che dici
      Grazie
      ml

  4. gelsobianco 4 marzo 2013 a 22:57 #

    Io ho colto in tutto il tuo scritto un desiderio di “pulizia”, di pioggia che lavi via le scorie dell’inverno, che dia nutrimento alle gemme, che possa dissetare te. In te ho sentito forte il tuo voler divenire albero ed animale, sempre con il desiderio vivo di pioggia che pulisca totalmente prima che “da capo cominci la vita.” Ed ho visto in “io capro che espia i peccati a venire” un senso “religioso” di questo rinnovamento. Ecco il perchè della mia interpretazione della fotografia. Questo ad una mia prima lettura.
    Grazie a te.
    gb

  5. gelsobianco 4 marzo 2013 a 23:17 #

    Soffermandomi sulle prime righe del tuo scritto, la fotografia assume invece il significato di questa “quasi non distanza” tra il cielo e la terra, di questo grigio uniforme con una luce velata, di questo muoversi di nuvole pesanti e basse che promettono pioggia abbondante.
    Si possono captare varie interpretazioni nelle tue parole . Così si può vedere molto nella fotografia. Quello che, senza alcun dubbio, io sento è il tuo forte desiderio di essere sotto la pioggia, di alzare braccia e viso all’insù e di assaporare ogni goccia che ti bagni, tu divenuto parte della natura.
    Una mia seconda rilettura!
    Un sorriso
    gb
    Grazie a te e alla fotografa!

  6. bakanek0 7 marzo 2013 a 12:22 #

    Forse è solo una mia sensazione, ma colgo spesso, nei tuoi bei scritti, questo sovrapporti, mischiarti, trasformarti in elemento naturale. Qui, le nuvole sono portatrici di nuova vita: le vuoi bucare, toccare, le guardi e aspetti acqua che lavi e purifichi. Poi, sei parte del ciclo: albero, animale, essenza stessa di offerta sacrificale a te stesso, e a quello che sarà, ancora. Ciao 🙂

  7. massimolegnani 8 marzo 2013 a 19:15 #

    è molto vero quello che dici, sento spesso, anzi ambiscoa, una fusione con quanto mi circonda; natura per me è la pelle, un sasso, un albero, un corpo, una nuvola. (che poi detto così sembra che io abbia problemi di identificazione del prossimo, e baci una volpe convinto che siano labbra femminili :-))
    gazie davvero
    ml

  8. gelsobianco 8 marzo 2013 a 19:34 #

    la sacralità della natura, intesa in senso lato, come la vivi tu.
    più leggo qualcosa di tuo e più trovo tutto questo.
    buon fine settimana:-)
    gb

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: