Archive | giugno, 2013

resurrezione e sassi

24 Giu
photo by margherita calati

photo by margherita calati

 

 

L’anziana signora con cui ho spartito parole poco impegnative durante il viaggio, al momento del commiato,  mentre si sistema in testa un cappellino rosa e raccatta pacchetti e borse, si piega verso di me e me lo confida ad un orecchio: “vedrà, risorgeremo”. Continua a leggere

la linea curva che non sarà mai cerchio

19 Giu
photo by c.calati

photo by c.calati

Mi attira tutto ciò che curva e non conclude, quel suo restare  aperto all’utopia, la rinuncia a completare un compitino che piaccia alla maestra. Continua a leggere

cinciallegre

13 Giu
photo by B. de Vito

photo by B. de Vito

 

Appollaiato come un merlo sulla staccionata, Camillo scruta il cielo e intanto presta l’orecchio al cicaleccio delle donne, un gruppetto che vocia a pochi metri da lui. Api sui fiori il loro sottofondo, pensa, un brusio che è bello lasciare indecifrato. Continua a leggere

la casa del ginko

10 Giu
photo by c.calati

photo by c.calati

                                           

 

A casa del dottore c’erano cose straordinarie.

Le porte aperte, il bollitore, la radio sempre accesa, i cani indisturbati, il whisky, la segretezza del giardino. Continua a leggere

e perchè non il ragno? **

7 Giu

Fredirik Pappel, un pensatore tedesco della prima metà del novecento emigrato negli Stati Uniti, sostiene in un interessante libricino capitatomi per caso tra le mani che tutte le religioni, indistintamente, sono destinate a un declino irreversibile perché non hanno adeguato il concetto di Dio all’evolversi della società mondiale. Continua a leggere

le conseguenze evaporate dell’errore

1 Giu
photo by c.calati

photo by c.calati

                          

Ringrazio il Dio degli uomini notturni, la sua pietà per la stanchezza di gesti troppo a lungo trafelati, ringrazio il Dio dei fragili belati, la compassione per i bimbi, che non morisse la pecora di Abramo per mano di un salvatore scellerato. Continua a leggere