le conseguenze evaporate dell’errore

1 Giu
photo by c.calati

photo by c.calati

                          

Ringrazio il Dio degli uomini notturni, la sua pietà per la stanchezza di gesti troppo a lungo trafelati, ringrazio il Dio dei fragili belati, la compassione per i bimbi, che non morisse la pecora di Abramo per mano di un salvatore scellerato.

 Avrei potuto uccidere stanotte mentre credevo di affannarmi in una difficile salvezza, tirare a riva un corpicino che affogava nello zucchero, ore a lottare con quel respiro irregolare che ci ghiacciava il sangue e quello sguardo vitreo che squarciava il buio della notte.

Avrei potuto, in questa notte senza fine, la matematica lo esige. Un calcolo da folle la correzione del potassio, dopo l’esattezza al microgrammo nel ripristino dei liquidi, nell’aggiunta di bicarbonato, nelle dosi d’insulina in vena, sodio, magnesio, calcio, glicemia, per ore giocare all’equilibrio tra il troppo e il poco, che non puoi correggere tutto in un colpo. E poi sbagliare di dieci volte tanto. Hai lì le fiale sotto gli occhi che basterebbe contarle per capire di quanto stai sbagliando, queste sono troppe per un cavallo sano, figurati per questi venti chili in coma. Le hai lì pronte sul bancone e non le vedi, non vedi l’enormità del danno, non lo vede l’infermiera che si trascina più stremata di te, siete come ciechi, burn out lo chiamano, uno stordimento lucido, dico io ora. E poi stare al letto di Ramona a spiare un miglioramento che stenta ad apparire. Come un ebete guardi quel viso contratto, ascolti il rantolo, palpi il pallore, aspettandoti una svolta e non ti rendi conto che l’hai rimessa tu sul filo della morte. Ma Qualcuno a cui non credo svapora clemente le conseguenze del mio errore, annulla per pietà gli effetti devastanti del potassio esagerato.

È l’alba quando Ramona piano piano si riprende, la mamma che mi guarda come fossi il salvatore e pure io ci credo. Solo più tardi, mentre in euforia mi faccio un tè a fine turno, rivedo in un lampo i gesti errati della notte.

Cade la tazza, io quasi un assassino!

Annunci

33 Risposte to “le conseguenze evaporate dell’errore”

  1. Donatella Calati 1 giugno 2013 a 14:25 #

    bellissimo, fratello! l’invisibile confine tra credere e non credere, tra salvatore e assassino, tra la cima e il precipizio

  2. massimolegnani 1 giugno 2013 a 15:33 #

    Oh, dona!
    Si viaggia sempre su un crinale e a volte e’ la fortuna che ti fa cadere da una parte anziche’ dall’altra.
    Un abbraccio
    C? ml? (Vedi tu)

  3. penna bianca 1 giugno 2013 a 16:01 #

    Mamma mia. Mi sono immedesimata nei tuoi panni e ho tirato un sospiro si sollievo solo alla fine del post. E’ che vi fanno fare turni massacranti. Almeno così mi dicono gli amici che lavorano nel tuo settore. E poi siamo esseri umani. Sono felice per il cambiamento di stato. Ma un abbraccio liberatorio te lo mando lo stesso.

  4. ester 1 giugno 2013 a 18:20 #

    Equilibrista sul bilancino dell’impossibile (che pretendi da te stesso). Assassino la necessintà di lavorare oltre la soglia della lucidità. Ma qui è proprio la lucidità di analisi e la sobria narrazione che mi colpisce, come sempre!

    • massimolegnani 1 giugno 2013 a 19:22 #

      Uno dovrebbe fermarsi quando non e’ piu’ lucido. Il fatto e’ che non se ne accorge al momento di essere andato oltre.
      Benvenuta ester
      ml

  5. Badev 1 giugno 2013 a 18:44 #

    Elettroliti, piccoli ma micidiali.
    (Mi ricorda qualcosa, meglio il tuo finale però).
    ps: ti devo scrivere!

    • massimolegnani 1 giugno 2013 a 19:25 #

      Ma il k l’ho svarionato alla grande, come pretendere di pesare due fettine di prosciutto a kili anziche’ etti!

      ps: fallo 🙂

      ml

  6. ammennicolidipensiero 1 giugno 2013 a 20:30 #

    quell’ovino appeso ad un fonendo,non avresti potuto creare un’immagine allegorica più efficace. sospiro di sollievo (mi hai fatto tornare in mente una chiacchierata con una palliativista che, prima, faceva anestesia pediatrica, sul senso dei piccoli equilibri, della cura e della minuzia nelle dosi, ogni volta come su un filo…)

    • massimolegnani 2 giugno 2013 a 16:57 #

      Si’, sono piccoli, delicati equilibri.
      La pecora strozzata dal fonendo, grazie di averla apprezzata
      ciao
      ml

  7. the pellons' 2 giugno 2013 a 10:49 #

    Come ti capisco. Quante volte ci salva lo sceneggiatore dalle cazzate delle quattro, quando proprio non ce la fai più. Che già alle cinque hai la speranza di finire e un minimo più di energia. E pure col protocollo perfettamente scritto, per arginare la marea dolce, anche qui si è rischiata qualche cazza delle volte. È che delle volte proprio davvero, come direbbe il dr, “non mi ha voluto”; quando fai una minchiata e ti va pure bene. A questo proposito, hai letto “for friday I will be dead” su ICM qualche mese fa? Meraviglia.

  8. massimolegnani 2 giugno 2013 a 17:00 #

    Se mi dici che e’ una meraviglia provvedero’ a leggerlo..ma che cos’e’ ICM?
    Ciao
    (Contento della condivisione)
    ml

    • the pellons' 2 giugno 2013 a 21:26 #

      Intensive Care Medicine: o se mi dai una mail te lo mando. E però: questo pezzo dovresti pubblicarlo su nottidiguardia 😉

      • massimolegnani 3 giugno 2013 a 10:28 #

        mandata la mail
        seguirò il tuo consiglio
        ciao

  9. monika santi 2 giugno 2013 a 17:03 #

    sfumature dell’equilibrio….quello fisico/mente di chi opera…. quello chimico di chi riceve, che dipende dal nostro, che ne manipola gli elettroliti. qualunque sia l’equilibrio, è sempre questione di attimi e della suscettibilità estrema delle condizioni di stabilità.
    in seconda lettura: siamo umani………..

    • massimolegnani 3 giugno 2013 a 10:30 #

      sì, siamo umani, in precario equilibrio.
      la cosa più staordinaria è che quel mattino al controllo Ramona aveva il potassio finalmente a posto!
      ciao Monika
      ml

  10. edp 2 giugno 2013 a 19:10 #

    E’ che con questa impotenza noi dobbiamo farci i conti, siamo tutti appesi al fonendo come quella pecora, chi resta di qua e chi passa di là. Non ci resta che fare del nostro meglio e se qualcuno ci chiede “avremmo potuto evitarlo?” la risposta non può essere che no, visto che le cose sono andate così. Mai smettere di fare autocritica ma c’è un punto oltre il quale non si poteva andare, e quel punto non siamo noi a deciderlo, cambia di giorno in giorno, di momento in momento.

    • massimolegnani 3 giugno 2013 a 10:33 #

      bello il tuo commento, edip, lo condivido, mai smettere di fare autocritica, non tanto per imparare dagli errori quanto per imparare a conoscerci e a convivere con i nostri limiti.
      ciao
      ml

  11. jonnybig2013 2 giugno 2013 a 19:14 #

    Ma gli esseri umani sono davvero responsabili delle proprie azioni?
    Io propongo una risposta: http://scienzadellastoria.wordpress.com/

  12. massimolegnani 3 giugno 2013 a 10:35 #

    io sono convinto di sì, meriti e colpe sono loro. ma leggerò volentieri la tua proposta.
    ciao e benvenuto
    ml

    • jonnybig2013 5 giugno 2013 a 21:29 #

      Mi meraviglia che tu non sia riuscito a scaricare il testo del saggio dal titolo: FINE DEL MONDO, FINE DELLA STORIA O FINE DELL’ INFERNO SULLA TERRA? dal blog: http://scienzadellastoria.wordpress.com/
      Basta cliccare sulle parole: FINE DEL MONDO, FINE DELLA STORIA O FINE DELL’ INFERNO SULLA TERRA PDF
      Ciao, buona lettura..

  13. Nerina 3 giugno 2013 a 12:41 #

    tu hai questa coscienza delle cose, l’etica del com-prendere, del saper essere di fragilità vestito per combattere, corazza nobilissima, efficiente, impenetrabile. E poil la grazia tocca sempre l’alleato, questo però lo sai, io credo. Pezzo bellissimo, di vita o vicevita (come la chiamerebbe Magrelli), non importa. Lui sui treni, tu su quel train de vie che è un ospedale, spesso.

  14. massimolegnani 3 giugno 2013 a 17:35 #

    Caspita, Nerina,
    quanto sei bella qui.
    C.

  15. bakanek0 3 giugno 2013 a 21:35 #

    Che responsabilità! Questa volta, più che per la scrittura, sono rimasta incollata allo schermo, a tirare un sospiro di sollievo sulle ultime righe! Ah, l’agnellino della fotografia 😀

  16. massimolegnani 4 giugno 2013 a 09:29 #

    ..per fortuna c’è stato un lieto fine 🙂 ma quanto rischio negli errori!
    grazie bak
    ciao
    ml

  17. Claudiappì 4 giugno 2013 a 23:43 #

    Molto bello, sembra quasi una poesia.

  18. mitedora 5 giugno 2013 a 07:04 #

    Un Dio che non ha bisogno di sacrifici. Notturno e attento, che si appoggia al freddo e sa restituire il calore. Su quel filo di rasoio che è la vita quando lotta per resistere attraverso persone forti al limite della resistenza. Lo trovo pieno di umanità e sincerità questo tuo post. Grazie.

    • massimolegnani 5 giugno 2013 a 18:07 #

      ecco, sì, odio il Dio biblico severo, esigente, distaccato. Quella notte forse c’è stato un altro Dio, compassionevole e vicino.
      grazie a te, sinceramente, delle belle parole
      ml

  19. germanadaloisio 8 giugno 2013 a 18:42 #

    da brivido! Anche se fosse solo un racconto ❤

    • massimolegnani 10 giugno 2013 a 09:48 #

      la realtà spesso supera il racconto
      grazie germana per aver spartito con me l’emozione
      ml

  20. alessandra 16 giugno 2013 a 01:46 #

    Sono molto felice di aver trovato questo sito. Voglio ringraziarvi per il tempo che spendete, è una lettura meravigliosa! Io sicuramente mi sto godendo ogni post e ho gia’ salvato il sito tra i segnalibri per non perdermi nulla!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: