una scritta rosso-sangue

12 Mag
photo by c.calati

photo by c.calati

 

“Sarà bellissimo” dice la scritta su un muro scrostato, all’incrocio di via Marengo. Non aggiunge altro, come non fosse necessario specificare cosa. Il semaforo rosso mi costringe a guardare quelle due parole così distanti dal mio umore novembrino di questa fiacca mattina di maggio stupidamente assolata. È che la stanchezza della notte in piedi mi deprime, la stanchezza bella della fatica e quella brutta dell’inazione mi danno lo stesso risultato da paranoico insonne. Non si tratta di una frase su un cartellone pubblicitario, quella mi avrebbe solo irritato per la sua falsità da paese dei balocchi rotti. No, sono due parole dipinte a mano, con una vernice rosso-sangue, che mi penetrano attraverso gli occhi e si inchiodano in qualche spazio del mio corpo, direi lì dove sento quella fitta tra milza e cuore. “Sarà bellissimo”, una certezza inconfutabile che mi stordisce, finchè dietro di me strombazza gente incarognita. Riparto malvolentieri, che mi mancano ancora dei dettagli per capire. Allora faccio il giro dell’isolato e torno allo stesso incrocio al rallentatore per far coincidere il mio arrivo con il rosso e prima dell’arrivo ho già lo sguardo fisso verso il muro: le lettere sono nitide, non hanno i contorni evanescenti della bomboletta spray, piuttosto resta qualche sgocciolio da pittura a muro, questo è un lavoro antico fatto con pennello grosso e secchio di vernice. Eppure ieri quando sono passato di qua il muro era pulito. Qualcuno nella notte. La scrittura è incerta, la prima A è più grande della seconda e le lettere non sono tutte sullo stesso piano. Un ubriaco? No! Qualcuno innamorato nella notte, qualcuno con molta emozione e una grande certezza: “sarà bellissimo” mi dice, perchè vuole che io lo sappia. Ti credo, amico sconosciuto, ti so sincero e vorrei che tu riuscissi a contagiarmi. Ma io non so che cosa ancora potrà per me  essere bellissimo, un sorriso da raccogliere di notte? il ritrovare un amico dato perso? il prenderti per mano? il giro di pedale? Non lo so, e, in ogni caso, sperarci sarebbe una fiducia al buio, un denudarsi delle malinconie che sono il mio vestito e nudo lanciare un soldo nel futuro. Rimango cupo, lasciami andare, amico mio, non fa per me quest’entusiasmo, ho troppa età e stanchezza. Così mi allontano lentamente, appena un po’ smarrito. Ma tornando a casa fermo la macchina sul ciglio della strada per fare una cosa sciocca. Vedo un papavero solitario a ridosso di un muretto, ondeggia all’aria, fragile e rosso come una fiducia. Esito, alla mia età mi dico, poi lo raccolgo e lo infilo nel bocchettone dell’aria sul cruscotto. Riparto. Sarà bellissimo, sì, sono convinto.

Annunci

30 Risposte to “una scritta rosso-sangue”

  1. poetella 12 maggio 2014 a 21:44 #

    sarà…
    é bellissimo, intanto. Poi… si vedrà.

  2. ogginientedinuovo 12 maggio 2014 a 22:02 #

    E’ bellissimo vedere la vita così, attraverso scritte e papaveri! E lasciarsene incantare 🙂

    • massimolegnani 12 maggio 2014 a 22:31 #

      la parte più difficile è proprio quella, lasciarsene incantare!

      ciao
      🙂
      ml

  3. Maria Emma 13 maggio 2014 a 14:37 #

    Non so se è vera o no questa scritta di cui parlo, ma leggendoti mi sono immaginata come fossi io a uscire di casa e vederla scritta proprio sul muro davanti a me, e ho sorriso, perché è incoraggiante.
    Sarà bellissimo, qualsiasi cosa sia.
    🙂

    …forse sarebbe meglio per me trovarla sul muro davanti all’ufficio… ;-P

  4. menteminima 13 maggio 2014 a 15:29 #

    Raccogliere papaveri è un’esperienza toccante. I papaveri raccolti hanno la vita di un istante, bellissimo.

  5. righe orizzontali 13 maggio 2014 a 17:51 #

    Sarà bellissimo quel che verrà. Basterà avere un po’ di riguardo per quella macchia rossa, vulnerabile, viva.

    • massimolegnani 13 maggio 2014 a 20:57 #

      è talmente macchia che anche in foto il rosso sembra straripare dai suoi contorni.
      ciao 🙂
      ml

  6. aliota 13 maggio 2014 a 20:29 #

    “Rimango cupo, lasciami andare, amico mio, non fa per me quest’entusiasmo, ho troppa età e stanchezza. Così mi allontano lentamente, appena un po’ smarrito.”
    ti ho mai detto che adoro i papaveri?

    • massimolegnani 13 maggio 2014 a 21:01 #

      i papaveri sono struggenti!
      (citi, e quindi fai tua, questa frase che è il momento più pessimista, ma poi subentra un cauto ottimismo, assimila anche quello!)
      ml

      • aliota 13 maggio 2014 a 21:03 #

        i papaveri mi regalano ogni anno la stagione più bella, invece… ne parleremo, doc :*

      • massimolegnani 13 maggio 2014 a 21:27 #

        sì,

        🙂

        Date: Tue, 13 May 2014 19:03:02 +0000 To: agilulfo_@hotmail.it

  7. rossodipersia 13 maggio 2014 a 23:21 #

    – Papaveri in luglio –

    Piccoli papaveri, piccole fiamme d’inferno,
    Non fate male?
    Guizzate qua e là. Non vi posso toccare.
    Metto le mani tra le fiamme. Non bruciano.
    E mi estenua il guardarvi così guizzanti,
    Rosso grinzoso e vivo, come la pelle di una bocca.
    Una bocca da poco insanguinata.
    Sanguinarie damine!
    Ci sono fumi che non posso toccare.
    Dove sono le vostre schifose capsule oppiate?
    Ah se potessi sanguinare, o dormire! –
    Potesse la mia bocca sposarsi a una ferita così!
    O a me in questa capsula di vetro filtrasse il vostro liquore,
    Stordente e riposante. Ma senza,
    Senza colore.

    (Sylvia Plath)

    • massimolegnani 14 maggio 2014 a 07:26 #

      cara rosso, che bella! Cedevo che anche questa poesia fosse tua 🙂
      intensa e perfettamente in tema (“come la pelle di una bocca”!)
      torna presto
      ml

  8. pennyblues 14 maggio 2014 a 11:21 #

    Anche io sono sicura che sarà bellissimo.

    • massimolegnani 14 maggio 2014 a 11:40 #

      è bello farsi contagiare da un ottimismo colto per caso.
      ciao,
      🙂
      ml

  9. remigio 14 maggio 2014 a 22:33 #

    Io non riesco a farmi contagiare emotivamente da una scritta rosso sangue che sporca un muro della mia città. Lo so, sono fuori dal coro. Quella scritta mi indigna. E’ una violenza. Sono sedotto, invece, dal quel muro scrostato, sulla cui superficie il tempo ha depositato il peso dei suoi anni, su cui affiorano le sue cicatrici. Ora quel muro è stato violato con della vernice rossa da una mano irrispettosa.

    • massimolegnani 15 maggio 2014 a 09:20 #

      formalmente hai ragione, ma alle sensazioni, le mie, le tue, non si comanda. rispetto il tuo sentire, ma in mezzo a tanta bruttezza quella scritta per me resta una bellezza.
      ciao, grazie del passaggio,
      ml

  10. Personale Femminile 15 maggio 2014 a 11:04 #

    non mi piacciono i muri imbrattati di scritte…qualsiasi messaggio sia
    Adoro invece un papavero donato con affetto…un gesto che mi scioglie come neve al sole.
    Nella sua semplicità è racchiuso l’infinito..

  11. Laura 20 maggio 2014 a 14:57 #

    A parte che è bellissimo quello che hai scritto, ma è originale la coincidenza che ci ha fatto incontrare 🙂 mi piace! anche perchè quello che hai letto da me è un post importante…poi non so se è stato bellissimo, ma io ci credo che come lo è stato per me lo sia stato anche per l’anima destinataria. Ciao…e ti seguo (non fisicamente 😉 )

    • massimolegnani 20 maggio 2014 a 15:18 #

      Sai che davvero per un istante ti ho immaginata, pur non sapendoti, di notte con vernice e pennello a lasciare il messaggio sul muro?
      Che poi le coincidenze…parli di margherite e indovina come si chiama mia figlia! 🙂
      Ciao
      Ben arrivata
      ml

      • Laura 20 maggio 2014 a 15:21 #

        niente è a caso…neppure le conoscenze virtuali…leggo che sei anche un estimatore di Baricco, altra casualità che ci accomuna, ti leggerò volentierissimo 🙂

      • massimolegnani 20 maggio 2014 a 20:28 #

        🙂

        Date: Tue, 20 May 2014 13:21:45 +0000 To: agilulfo_@hotmail.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: