Archive | dicembre, 2014

viaggi

31 Dic
by web

by web

 

 

Ciao Riccardo, io sono Batman, dico al bambino in barella mostrando la maglietta figa con la sua effige inconfondibile mentre salgo finto-allegro in ambulanza. Lui che sonnecchiava pallido alza una palpebra, mi squadra e la richiude. Continua a leggere

l e g n a

27 Dic
by c.calati

by c.calati

 

 

Amo il camino acceso che scoppietta e scalda, amo la stufa che sbuffa nel tiraggio e cuoce cibo con pazienza. Ma questo amore si consuma e va continuamente alimentato. Ceste di ciocchi viaggiano ogni giorno dalla legnaia alla cucina e s’assottigliano le scorte che occorre rimpolpare. Continua a leggere

il giardino in inverno

23 Dic
by c.calati

by c.calati

 

 

Il solstizio ci regala un giardino in stato di grazia. Un sole basso ma tenace si posa sui cespugli sfioriti, sulle piante nude, sugli ultimi boccioli di rosa, è come un’inghilterra. Continua a leggere

vigilia di Natale in macelleria

19 Dic
by web

by web

 

 

Davanti al negozio c’erano, schiacciati contro i vetri, nasi che alitavano nel freddo e mani aperte a lasciare impronte e desideri.
Mancavano dieci minuti all’apertura e Margherita osservava preoccupata la massa di gente assiepata dietro le vetrine.
Sarebbe stato un massacro.  Continua a leggere

il Gran Balun

16 Dic
c.calati

c.calati

 

 

Mi sono auto trapiantato in Piemonte da alcuni decenni ormai, ma sono pianta a lento attecchimento, radici pigre che faticano a farsi largo nella terra, in questa terra. Così non ho ancora imparato una parola di dialetto, ho poche conoscenze tra gli indigeni e i luoghi belli, che pure ce ne sono tanti, li vado scoprendo poco alla volta. E poi ho un’istintiva diffidenza per gli eventi noti, sto alla larga dagli spettacoli e dagli svaghi di massa ritenuti imperdibili, io li voglio proprio perdere, con metodo. Continua a leggere

lische di pesce fesso 10

13 Dic
foto by c.calati

foto by c.calati

 

 

 

Significati collaterali

Permanere: continuare a tenersi per mano

Reo con-fesso: delinquente che scarica la colpa sull’imbecillità del complice Continua a leggere

il tempo fermo va veloce

10 Dic
c.calati

c.calati

 

 

Il tempo fermo va veloce e questo mi disturba. C’è una discordanza inconciliabile tra il mio modo di scandire lo spazio astratto tra due istanti e quello proprio del reale. Non voglio dire che sono un tipo dal ritmo frenetico, sempre indaffarato tra affari, affetti e fesserie, che il tempo gli è per forza corto. Al contrario, ho un passo pigro anche quando sembro andar di fretta, forse per questo il tempo mi sta stretto.  Continua a leggere