una colazione tedesca

18 Mar
photo by c.calati

photo by c.calati

Elemento necessario il legno, il pavimento per lo meno, a scricchiolare caldo sotto i passi, ma, se possibile, anche il tavolo grande del buffet, rigorosamente privo di tovaglia, i piatti e i cibi sulle venature nude. L’ideale sarebbe, e qualche volta capita, che di legno di ciliegio, brunito da anni e fumo, siano anche le pareti ed il soffitto. La stanza, allora, sarebbe una scatola di balsa e gli alimenti quasi petali di rosa. 
Necessaria anche qualche pianta, betulla o faggio, mossa dal vento, che si riquadri all’unica finestra con uno spicchio di cielo, terso o carico di pioggia, ugualmente bello, ed un cerbiatto pigro in lontananza, a cui buttare l’occhio e lo stupore mentre si spalma burro salato su una fetta di pane nero.
E una ragazza in costume bavarese, robusti birkenstock ai piedi e calzerotti rossi, la lunga gonna di panno scuro ed il corpetto a balconcino su una camicia ricamata, senza collo, aperta al petto. Il seno come un budino chiaro.

Poche persone nella sala, in un fruscio ovattato, ma poco inglese, che ogni tanto è rotto da una risata secca. Giacche e cravatte accanto a tute da ginnastica o pantaloncini da ciclista, in uno stare promiscuo di differenti intenti di giornata.
Voci sommesse e un tintinnare di coltelli. Bicchieri colmi di spremute a dissetare il vino della sera prima.
Sul tavolo a parete, le ciotole schierate di yogurth naturale e a vari frutti, fiocchi d’avena e muesli in grandi conche, la caraffa del pompelmo, quella d’arance, i bricchi per il latte,  il tagliere dei formaggi da affettare con il filo e il vassoio dei prosciutti, la cesta delle uova, al caldo sotto il panno, le marmellate fatte in casa, il miele e il pane di ogni tipo, al sesamo, al cumino, ai semi di papavero.
Poco distante un tavolo più piccolo con due fornelli. Uno per la padella in cui sfrigolano wurstel minuscoli da colazione, l’altro su cui poggia un grande bollitore in peltro.

È richiesta la lentezza.
Una cerimonia, di cui quella ragazza in costume bavarese è l’unica officiante. Cura i dettagli, sistema qualche fiore senza vaso, rinnova i piatti sul buffet, rabbocca le caraffe, che non manchi mai ciò che si consuma. Gira tra i tavoli con la domanda sempre uguale, tè o caffè? Non ha sorrisi e forse non è bella, ma tremano ad ogni passo i seni, come mammelle gonfie d’animale o coppe di  panna con le fragole, seni elargiti agli occhi in ogni caso seriamente.
E tu, turista o in trasferta di lavoro, adegui i gesti ai gesti degli indigeni, rallenti il ritmo della gola a che lo stomaco si faccia più capiente e segui il rito in un giusto turbamento, che s’appaghino la vista ed il palato. E qualche volta indugi nella sala più del dovuto perché ti senti parte di un tutto che va oltre.

Annunci

12 Risposte to “una colazione tedesca”

  1. Minu 18 marzo 2015 a 10:17 #

    🙂

  2. remigio 19 marzo 2015 a 14:42 #

    Viviamo in un mondo in cui l’ atteggiamento lento nei confronti delle cose e della vita sembra sia stato bandito definitivamente. E allora ben vengano queste atmosfere agresti, queste tavole imbandite “rigorosamente prive di tovaglie”, immerse in un ambiente semplice e naturale che privilegiano una sola cosa: la lentezza. Un saluto a te ml.

    • massimolegnani 19 marzo 2015 a 15:32 #

      Sono d’accordo con te. E allora viva le lentezza e la semplicita’ che hanno del sontuoso!
      ciao,
      ml

  3. Lisa Agosti 21 marzo 2015 a 00:18 #

    Che fame! Adoro le colazioni continentali.

  4. Prishilla 22 marzo 2015 a 17:21 #

    La mia colazione preferita!

  5. giuliagunda 22 marzo 2015 a 20:34 #

    Come al solito tu non ti limiti a (de)scrivere: con le parole dipingi, cucini, suoni, modelli, crei.

    G.

    • massimolegnani 23 marzo 2015 a 01:37 #

      mi piace comunicare agli altri le mie piccole passioni.
      buonanotte G
      (un abbraccio mentre forse già dormi)
      ml

      • giuliagunda 23 marzo 2015 a 13:57 #

        un sorriso mentre forse cucini 🙂

        G.

      • massimolegnani 23 marzo 2015 a 15:30 #

        🙂

        Date: Mon, 23 Mar 2015 11:57:54 +0000 To: agilulfo_@hotmail.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: