Archivio | maggio, 2015

temo il vento raramente amico

24 Mag
photo by c.calati

photo by c.calati

È quasi tempo e temo. Temo le due isole, simili tra loro, ostiche di coste a saliscendi e di crinali inospitali nell’interno, temo il vento che raramente è amico soprattutto se maestrale, Continua a leggere

microcosmo

21 Mag
photo by c.calati

photo by c.calati

 

 

1° marzo 1977

 

Ospedalino Infantile Antitubercolare” recita la targa sul pilone di una cancellata. Una lunga salita rettilinea tra piante secolari e filari di vite trascurata mi porta in cima alla collina: un altro cancello immette in un giardino ghiaioso in fondo al quale sorge una villa che ha perso splendore in rimaneggiamenti e aggiunte.  Continua a leggere

due cavalli un po’ bastardi

18 Mag

Citroen-2CV

Glielo avevo promesso poco dopo la partenza.
– Ale, tra vent’anni scriverò di te e di questo nostro viaggio troppo breve.
– In effetti sono un bel personaggio, ammettilo.
– Sì, ‘na macchietta.
– No dai, macchietta suona male. Ho mille sfaccettature, io, come un diamante.
– Ma se sei tondo come una palla, cosa vuoi sfaccettare!  Continua a leggere

lo sguardo lungo sulle cose

12 Mag
by c.calati

by c.calati

Hai presente il sole una mezz’ora prima del tramonto, quando ancora non ha il fuoco triste della morte ma finalmente ha perso l’arroganza dello sguardo? Il sole che non ammazza l’ombra ma la proietta lunga e morbida come un accompagnamento?
Ecco, lui era così. Continua a leggere

la poesia di Antonio

9 Mag
c.calati

c.calati

L’ho visto ondeggiare vago in vespa tra la gente, come possedesse lo spazio e il tempo, segnare di testa ad occhi chiusi che tanto senza occhiali, rotolarsi sopra un letto abbracciato ad un amico e tra risate grasse mantenersi indubbiamente uomo. L’ho visto ed ho compreso la sua grazia, che certe volte è un gesto lieve ed altre audace.  Continua a leggere

v e n t o

4 Mag
photo by c.calati

photo by c.calati

 

 

Da bambino, nemmeno tanto piccolo, ero convinto che fossero le piante a provocare il vento, né più ne meno come il ventaglio di mia nonna Continua a leggere