è quasi inverno, sai

17 Ott
photo by margherita calati

photo by margherita calati

Già s’infittisce il freddo e il pelo protettivo ai gatti, Birolli che smagrisce e che s’ingrossa. Già il sole ha perso tracotanza, illumina umilmente il mondo e non stravolge più il colore delle cose, rosso è il mattone, ancora verde l’erba, gialle le foglie agghindate alla partenza come rondini sui fili, mentre precoce la luna t’impallidisce e gela.

Presto sarà quel tempo che tutto cristallizza e ferma, lo attendo trepido per un piacere che conosco eppure ancora incanta. Le altre stagioni sono rinnovamento, novità, notizie, un avanzare baldanzoso verso un futuro che io vorrei lontano, l’inverno no, non guarda avanti, l’inverno è ripetizione di se stesso, replica riti e passioni collaudate con l’ingenuità dell’apprendista. Scoppietterà la fiamma, ci sarà calore al corpo e brace per il cibo, resterà sul fondo una cenere vitale, buona di lentezza a cuocere patate, le immergi dentro nel mattino le gusterai che sarà sera.

E torneremo a essere guardoni dietro ai vetri, le case rattrappite al freddo, noi a spiare l’invereconda nudità alle piante, il velo trasparente della brina sopra l’erba, la pioggia che lava i corpi delle cose come li preparasse a festa, e poi la coltre bianca a coprire la campagna come una donna spoglia.

Annunci

24 Risposte to “è quasi inverno, sai”

  1. Donatella Calati 17 ottobre 2015 a 11:01 #

    anche farneticando sai trovare la poesia delle piccole cose

  2. rodixidor 17 ottobre 2015 a 12:25 #

    Sempre bello leggerti, ma questo post ha un motivo in più per esser lodato: Brava Margherita che ritrae un cielo stellato in un cucchiaino di zucchero. 🙂

    • massimolegnani 17 ottobre 2015 a 21:05 #

      Mi fa piacere che hai apprezzato il senso della foto, lo riferiro’ all’autrice.
      Ciao rodix
      ml

  3. Spersa 17 ottobre 2015 a 13:03 #

    Bello l’inverno, necessaria preparazione alla nuova tracotanza dell’estate.

  4. Nuzk 17 ottobre 2015 a 14:39 #

    E se anche se siamo appena entrati nell’autunno, i primi segni d’inverno, a cercar bene, ci sono già…

    • massimolegnani 17 ottobre 2015 a 21:10 #

      Si, da ieri la neve e’ piu’ bassa e al mattino respira un’aria frizzante.
      Ciao,
      ml

  5. Giuliana 17 ottobre 2015 a 19:15 #

    questa e’ poesia! 😃

  6. Angelo.G 17 ottobre 2015 a 19:59 #

    …e giù di pupazzi di neve.

    • massimolegnani 17 ottobre 2015 a 21:14 #

      Tu ti sei gia’ attrezzato con gli occhiali giusti!
      Ciao,
      ml
      (ben arrivato)

  7. gelsobianco 17 ottobre 2015 a 23:13 #

    “…verso un futuro che io vorrei lontano, l’inverno no, non guarda avanti, l’inverno è ripetizione di se stesso,”
    “… buona di lentezza a cuocere patate, le immergi dentro nel mattino le gusterai che sarà sera.”
    Le piccole cose portano alle più grandi, a ciò che è nella profondità di noi stessi.

    Quella fotografia mi è sempre piaciuta tanto.
    E’ immagine molto giusta per questa tua pagina di “farneticaio”.
    I piccolissimi granelli di zucchero divengono stelle nel cielo scuro.
    Anche qui dalle piccole cose alle grandi.

    Poesia nelle parole, poesia nello scatto.
    La poesia si tramanda allora…

    Ti sorrido
    gb

    • massimolegnani 18 ottobre 2015 a 00:51 #

      condivido le tue belle parole..le piccole cose portano alle più grandi, a ciò che è nella profondità di noi stessi.
      grazie gb, per la sensibilità e l’apprezzamento
      ml

  8. mia_euridice 19 ottobre 2015 a 07:39 #

    Un tempo intimo e contemplativo.
    Nulla di meglio, per me.

    • massimolegnani 19 ottobre 2015 a 10:17 #

      sono d’accordo con te per gli aggettivi.
      ml

    • Stefi 20 ottobre 2015 a 17:51 #

      Un tempo cupo e intollerabile.
      Nulla di peggio, per me.

      ps: scusami, mia euridice, se mi permetto di farti il verso. E’ che mi sono ritrovata, speculare, nelle tue parole.

      • massimolegnani 20 ottobre 2015 a 18:26 #

        stiamo agli antipodi, tu sole e mare, io montagna e freddo, tu Australia, io Svezia, eppure spesso ci intendiamo 🙂
        ciao Stè,
        ml

      • Stefi 20 ottobre 2015 a 18:47 #

        Gli opposti, si sa….

      • massimolegnani 20 ottobre 2015 a 19:09 #

        🙂

        Date: Tue, 20 Oct 2015 16:47:14 +0000 To: agilulfo_@hotmail.it

  9. giuliagunda 21 ottobre 2015 a 11:38 #

    Trovo qualcosa di familiare, in questo post. Non solo l’intima condivisione del contenuto, ma proprio, le parole, il suono, il ritmo, la chiusa. Sarà che tu sei un po’ come l’inverno, e custodisci, ripeti, mantieni (permano), scaldi a fuoco lento. (Sei anche guardone! Spii e ti incanti) 🙂

    G.

    • massimolegnani 21 ottobre 2015 a 12:01 #

      il tuo commento mi commuove, grazie!
      (quanto alla parentesi finale, hai colpito nel segno, però non dirlo in giro, che non tutti capiscono :))
      ciao G
      ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: