se mai morissi ancora vivo

10 Ott
c.calati

c.calati

L’ultimo sguardo andrà sprecato, incerto e corto come il fiato, in un ripasso stanco di medicine inutili lì intorno, oggetti da malato, suppellettili, soffitti, tutto un bianco moribondo. Ma se morissi ancora vivo vorrei il colore delle mele, la voglia insoddisfatta di passi scalzi sulla pelle, polpastrelli intimiditi lungo sentieri di brughiera, gli occhi acquosi spalancati alle colline, ai fiori, ai fiordi, ai solchi della terra, in agonia agognarti ancora, confondere improbabili memorie, rammaricati desideri, mormorare oh mi ricordo e non sapere cosa, spargermi cenere in giardino come sale alle ferite. Mi leccheranno capre, mi baceranno pecore, mi succhieranno api.

Annunci

56 Risposte to “se mai morissi ancora vivo”

  1. lamelasbacata 10 ottobre 2016 a 13:13 #

    Struggente, mi lascia senza fiato. Non dico altro ❤

  2. labloggastorie 10 ottobre 2016 a 13:31 #

    Davvero bella!

  3. elisabettapend 10 ottobre 2016 a 13:43 #

    Non preoccuparti, non corri il rischio paventato nel titolo. 😂👍

  4. remigio 10 ottobre 2016 a 14:18 #

    Quando si dice …una poesia in prosa 🙂

    • massimolegnani 10 ottobre 2016 a 18:37 #

      E’ che da anni in poesia non so piu’ scrivere e allora mi arrabatto:)
      Ciao Remigio
      ml

  5. Tati 10 ottobre 2016 a 14:40 #

    Sai cosa mi lascia senza fiato?… il fatto che la luce che c’è nella foto è esattamente quella che vedo nelle tue parole… è una sensazione incantevole.
    🙂

    • massimolegnani 10 ottobre 2016 a 18:40 #

      Pensa che ho cercato a lungo una foto tra le mie che si adattasse alle parole. Quindi il tuo notare un collegamento mi fa piacere.
      Ciao Tati, grazie
      ml

  6. Cose da V 10 ottobre 2016 a 16:35 #

    Bellissimo tutto, ha un gran ritmo e mi sembra un inno alla vita.

    • massimolegnani 10 ottobre 2016 a 18:41 #

      Felice di questa tua lettura, si’ qui c’e’ passione per la vita.
      Un sorriso
      ml

  7. PindaricaMente 10 ottobre 2016 a 17:14 #

    Le tue parole mi lasciano spesso senza parole…
    Un po’ perché mi ci rivedo, un po’ perché avrei voluto scriverle io. Ma non sarei mai stata così brava e struggente come te, bravo!

    • massimolegnani 10 ottobre 2016 a 18:43 #

      Bello condividere pensieri che si assomigliano e che tu esprimi non meno bene di me 🙂
      ml
      (Grazie!)

  8. intempestivoviandante 10 ottobre 2016 a 17:18 #

    Un inno alla vita, in effetti anch’io lo vedo così, perché poi sono le due facce della stessa medaglia. Quello che per te è la terra per me è (soprattutto) il mare. Ma sensazioni e desideri sono molto simili. Immagino che quando si ha il coraggio di guardare l’oscurità, poi si riesca a vedere meglio la luce.

  9. tramedipensieri 10 ottobre 2016 a 21:20 #

    Che aggiungere oltre a tutti questi meritatissimi e condivisi commenti?
    (La fotografia è stupenda e la frase “se mai morissi ancora vivo” mi ha colpito in modo particolare. Complimenti Massimo!)

    • massimolegnani 10 ottobre 2016 a 23:46 #

      sei gentile .marta e sento la tua emozione
      (sono mele grinzose, appassite come fiori, le ho trovate adatte a queste parole)
      grazie,
      ml

  10. Stefi 10 ottobre 2016 a 22:08 #

    E’ pelle grinzosa, che di grinze è fatta la memoria.

    • massimolegnani 10 ottobre 2016 a 23:51 #

      Stè, sembra che tu prosegua la mia risposta qui sopra (scritto dopo di te!) e ti riferisca anche tu alle mele. D’altronde quella buccia sembra pelle d’anziano.
      di grinze è fatta la memoria e va e viene e si confonde sulle rughe come queste fossero onde.
      un abbraccio,
      ml

      • Stefi 11 ottobre 2016 a 20:58 #

        …immutabile sintonia
        Un abbraccio a te.
        Stè

      • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 23:04 #

        sì, un sorriso

  11. alessialia 11 ottobre 2016 a 11:32 #

    Caspita ml…
    Hai descritto tutte le piccole della vita che spesso ci perdiamo per la fretta di vivere… Cose che se pero riusciamo ad assaporare rimangono impresse come quadri nella NS mente e poi al momento che abbiamo un po di nostalgia sappiamo dove trovare.
    E poi alla fine, con la cenere in quel modo è come continuare un po a vivere in altre forme..
    Cnq vita e morte…. Sino due mondi paralleli separati, o uniti da una sottile linea di confine…
    Bella, come la foto!

    • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 12:20 #

      Sì, sono d’accordo con te e mi ricordi il titolo di un bel libro di Amos Oz “la vita fa rima con la morte”
      Ciao Ale,
      grazie
      ml

  12. Bloom2489 11 ottobre 2016 a 13:44 #

    Credo che il morire in quel senso sia la cosa che spaventi molto più della morte in sé per sé…

    • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 13:52 #

      Se intendi decrepito, disorientato, magari dopo un’estenuante malattia, sicuramente. Qui contrappongo quella morte a un andarsene ancora lucidi, abbastanza rapidamente ma col tempo sufficiente a dare uno sguardo indietro e a desiderare ancora vita.
      Ciao Bloom,
      ml

      • Bloom2489 11 ottobre 2016 a 14:52 #

        In realtà intendevo un’altra cosa ancora, la depressione ..

      • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 15:18 #

        Ammetto che il titolo e certe frasi possono prestarsi alla tua interpretazione, ma personalmente non pensavo alla depressione.

      • Bloom2489 11 ottobre 2016 a 16:31 #

        Immagino si, è solo la mia sensazione 🙂

      • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 16:43 #

        Un sorriso

  13. Lisa Agosti 11 ottobre 2016 a 18:58 #

    Wow… senza parole. Hai superato te stesso stavolta!

    • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 23:00 #

      grazie Lisa, che piacere il tuo stupore partecipe.
      un abbraccio
      ml

  14. Prishilla 11 ottobre 2016 a 20:15 #

    Oh, anche io vorrei morire ben viva. E vivere ben viva, sempre. Grazie per questo pensiero così pieno di luce

    • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 23:03 #

      ecco, “pensiero pieno di luce” è un apprezzamento che mi soddisfa, lo sento aderente alle parole che ho usato.
      grazie Prish
      un sorriso
      ml

  15. gelsobianco 11 ottobre 2016 a 23:22 #

    Sei musica di vita, ml caro.
    Emozione grande in me
    gb

    • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 23:42 #

      emozione è vita!
      grazie gb
      un abbraccio
      ml

      • gelsobianco 12 ottobre 2016 a 03:36 #

        una sintonia perfetta tra le tue parole e la fotografia

        ricambio il tuo abbraccio
        gb

        sai che io ritorno…
        grazie, ml.

      • massimolegnani 12 ottobre 2016 a 08:38 #

        Si, quelle mele raggrinzite ma cosi’ luminose!
        Un sorriso

      • gelsobianco 12 ottobre 2016 a 11:04 #

        Sì, è splendida quella luce.
        🙂
        gb
        Buona giornata, ml

      • massimolegnani 12 ottobre 2016 a 17:52 #

        Un sorriso

  16. Alidada 11 ottobre 2016 a 23:29 #

    c’è passione anche nelle virgole… stupenda!

    • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 23:44 #

      pensare che le virgole mi fanno ammattire 🙂
      ti ringrazio Alidada, sei gentile
      ml

      • Alidada 11 ottobre 2016 a 23:44 #

        per forza, le tue virgole sono estremamente passionali 😉

      • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 23:47 #

        ahah, ecco perchè 🙂

      • Alidada 11 ottobre 2016 a 23:47 #

        da ora in poi tutto senza punteggiatura, mi raccomando 😉

      • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 23:49 #

        le metto, le tolgo, le sposto, non sono mai convinto.
        mi converrà fare come suggerisci 🙂
        ciao, buonanotte

      • Alidada 11 ottobre 2016 a 23:50 #

        fai come vuoi 🙂 però quel che hai scritto sopra è fantastico! 😉 …’Notte

      • massimolegnani 11 ottobre 2016 a 23:52 #

        (grazie ancora)

  17. artepsychesabinablogspotit 12 ottobre 2016 a 14:02 #

    Nella bellezza di tutto lo scritto mi emoziona soprattutto questo:
    “spargermi cenere in giardino come sale alle ferite. Mi leccheranno capre, mi baceranno pecore, mi succhieranno api”, perché sa di vita come niente mai, soprattutto in quel senso di ricongiungimento alla terra e alle capre, alle pecore e alle api…alla fine ne uscirà/ne uscirai miele.

    • massimolegnani 12 ottobre 2016 a 17:51 #

      Fantastiche le tue parole, mi aiutano a capire piu’ a fondo quello che ho scritto. “Diventare miele” e’ un concetto bellisimo sulla continuita’ della vita anche nella morte.
      Ti abbraccio, Sabina.
      ml

  18. germogliare 13 ottobre 2016 a 06:03 #

    Ti ritrovo in una foto che racconta le tue parole, il tuo pensiero. Bello! Un caro saluto

    • massimolegnani 13 ottobre 2016 a 09:45 #

      Felice per la tua presenza e le tue parole,
      ben ritrovata Adina
      ml

      • germogliare 13 ottobre 2016 a 09:58 #

        Grazie ml! A volte passo in punta di piedi.

      • massimolegnani 13 ottobre 2016 a 10:04 #

        Bello saperlo:)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: