Archivio | novembre, 2016

arancia

30 Nov
foto

by c.calati

L’arancia passata al coltello e dissecata nel forno lento della stufa è ancora un’arancia? Continua a leggere

novembre

28 Nov
by c.calati

by c.calati

Novembre ha ombre lunghe e ore brevi, grigio cielo, rami nudi, ma erba ancora verde ai prati e primo grano ai campi. Continua a leggere

il levigatore

24 Nov
by c.calati

by c.calati

 

 

Camminava per vicoli traversi, per accorciare il percorso diceva lui, per evitare la gente sostengo io. A guardarlo di profilo sembrava un geroglifico, tanto si teneva rasente i muri con quel suo mento aguzzo e quel braccio rinsecchito proteso in avanti a fendere una folla inesistente. Continua a leggere

lettere in cambio

22 Nov

10728

Il pistolero                                vado, l’ammazzo e torno

Il seduttore                              vedo, l’ammalio e inforno Continua a leggere

un cuore troppo bianco

19 Nov

photo by margherita calati

Vorrei vivere lassù, a nord dell’allegria, tra bicchieri d’acquavite e vetri tristi  sul chiarore silenzioso di Finlandia. Continua a leggere

i fidanzati di Giorgina

16 Nov
by margherita calati

by margherita calati

 

 

Sembrava una ragazza del nostro meridione, pugliese del Gargano avresti detto, per via di quell’aria limpida negli occhi scuri che a tratti si facevano inaspettatamente  luminosi.

Invece aveva un impasto più complesso, di Piemonte e Sudamerica, con qualche accenno vago di Calabria, come una spruzzata ben dosata di cannella. Continua a leggere

ascoltando Andrea Parodi

13 Nov

 

 

Vorrei essere più sardo, stare sull’isola fuori dal tempo, non per isolarmi ma per sentire più calore, le vicinanze, i fiati, la lingua incomprensibile che è musica bellissima Continua a leggere