lettera stizzita del nocciolo

17 Feb
by c.calati

by c.calati

 

Io, il nocciolo proprio non lo capisco.
Intanto ha un tronco monco che subito si sparpaglia in mille rami, come fosse un cespuglio che ha preso troppe vitamine, peggio del Pd, che uno dice Renzi, il ceppo principale, ma poi si accorge di Bersani, la mucca in corridoio, di Baffino resuscitato come Lazzaro e anche di quello con la barba fitta che non so se è Emiliano o Pugliese ognuno un ramo come fossero altre piante, così uno finisce col confondersi e dare il voto all’altra parte, che almeno lì c’è un grillo solo, il tronco pigliatutto. Per forza perderemo le elezioni, con ‘sto cazzo di nocciolo!
E poi il nocciolo col suo fare confuso, di riffa o di raffa, buttando un ramo qua ed allungandosi di là, in pochi anni è arrivato a sfiorare la finestra del mio regno, qui su in mansarda. E in estate senza scendere in giardino potrei mangiarmi le nocciole, se solo mi piacessero. Che pianta inutile, facesse fichi almeno!
Ma quel che soprattutto mi disturba del nocciolo è che siamo a metà febbraio e lui è già da un po’ che ha messo fuori quelle specie di bargigli gialli, che il tacchino almeno ce li ha rossi e superbi come favoriti. Questi gli penzolano dai rami senza foglie come una tristezza senza requie, ondeggiano nel vento come tanti campanelli muti. Mi danno l’angoscia e penso ai Giapponesi, a quelle striscioline di carta che appendono ai rami spogli di qualche pianta sacra a ricordare i morti. O sono i Nepalesi?
Amenti mi dice il testo di botanica, fiore maschile del nocciolo. Una schifezza dico io, che i fiori veri, sai quelli del ciliegio o del pesco che ti dicono è primavera meglio del calendario, i fiori veri il nocciolo non sa nemmeno cosa siano. Lui fa i bargigli e poi cosa ti dice? È metà febbraio, fa freddo e tutto va male. Grazie, lo sapevo da me, non c’era da scomodarsi tanto, poteva farne a meno che avrei pensato ai vivi e non ai morti.

Advertisements

38 Risposte to “lettera stizzita del nocciolo”

  1. quarchedundepegi 17 febbraio 2017 a 10:37 #

    Sinceramente sono dalla parte del nocciolo, altrimenti… ADDIO NUTELLA… con olio di palma.
    BUON GIORNO.
    Quarc

    • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 11:44 #

      eheh…sapevo che mi sarei attirato le ire degli adoratori della Nutella 🙂
      a proposito di olio di palma anche alla palma avrei qualcosa da ri-dire.
      buongiorno a te, quarc
      🙂
      ml

      • quarchedundepegi 17 febbraio 2017 a 14:07 #

        Comunque sia, non sono un adoratore della Nutella… che non fa parte degli alimenti presenti in casa mia.
        So però, che, malgrado l’esistenza dell’olio di palma, la Nutella è insostituibile… a tutto vantaggio dei cittadini di Alba e del Sig: Ferrero.
        Ciao.
        Quarc

      • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 14:17 #

        sì, quarc, non alludevo direttamente a te (il riferimento all’olio di palma mi aveva fatto pensare che non fossi un estimatore) piuttosto il tuo intervento mi aveva fatto pensare ai tanti adoratori del prodotto. poi la mia risposta un po’ stringata portava all’equivoco 🙂

      • quarchedundepegi 17 febbraio 2017 a 14:26 #

        Mo nooo, nessun equivoco.
        Buon pomeriggio.
        Quarc

      • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 14:37 #

        A te
        🙂

  2. Tati 17 febbraio 2017 a 10:49 #

    no…no…NOO!!! non puoi scrivere così della mia pianta! La sua bellezza sta proprio nel non essere gigante, nel farsi un po’ cespuglio per permettere ai bambini di sentirsi scalatori e potersi lanciare dai rami come tarzan ( perché quella è la sua natura, ne sono certa). C’è tutta la lentezza dell’autunno, protratta nel tempo, a ricordare che la lentezza non deve essere racchiusa ad un mese, ad un momento ma è un modo di vivere e affrontare la realtà.. poi, tanto per dire : le bacchette magiche migliori son quelle di nocciolo 😉

    • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 11:48 #

      tenera la tua perorazione in difesa del nocciolo 🙂 e la condividerei pure se non fosse che il mio ormai sta crescendo come un baobab 🙂
      un abbraccio
      ml

      • Tati 17 febbraio 2017 a 11:58 #

        potalo!… e tornate amici…
        ( potrei anche dirti della bontà delle nocciole… ma ho fatto indigestione e per me sono vietate dalla legge!) 😀

      • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 12:16 #

        eheh, sì prima o poi una bella potatura sarà necessaria 🙂
        (io qualche nocciola la pesto spesso nel sugo della pasta!)

      • Tati 17 febbraio 2017 a 12:23 #

        … te che hai la stufa… tostale, togli la pellicina marrone e poi buttale in padella con lo zucchero… questo è un buon modo per fare pace 😉

      • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 12:26 #

        raccolgo il tuo suggerimento 🙂

  3. Sabina 17 febbraio 2017 a 11:18 #

    Scherza con le erbacce e lascia stare il nocciolo, dico io, parafrasando un vecchio proverbio.
    A vederla da un altro punto di vista direi: brutto nella fioritura ma bellissimo nei frutti, con il loro colore caldo, vagamente rossiccio, di legno vero.
    Il nocciolo è come il brutto anatroccolo, basta dargli il tempo di crescere!
    ;-))

    • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 11:52 #

      povero nocciolo, sono stato volutamente scorretto nei suoi confronti, senza aspettare che diventasse cigno 🙂
      ciao Sabina,
      un sorriso
      ml

  4. rodixidor 17 febbraio 2017 a 11:28 #

    Bella la tua analisi del nocciolo, sembri denigrarlo ma la tua ironica disamina si tramuta in sua elegia. Nessuno lo dice ma in effetti è il primo albero a fiorire ancora in inverno. Anche il risvolto politico è perfetto, hanno tentato di rappresentare la Sinistra come una quercia, perenne e mastodontica invece ai nostri giorni la Sinistra è meglio rappresentato da questo alberello che sembra caduco ma in realtà ha grande vitalità, attecchisce ovunque ed in forme sparse. Se Matteo ti legge di sicuro ti copia l’idea ed il simbolo 🙂

    • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 11:55 #

      ecco rodix, tu mi capisci 🙂 che me la sono presa col nocciolo ma in fondo mi è simpatico, proprio come il Pd che mi fa rabbia e amore 🙂
      ciao rodix
      un sorriso
      ml

  5. tramedipensieri 17 febbraio 2017 a 14:32 #

    Amo la pianta quanto ne adoro il frutto. si fa attraversare tra un ramo ed un altro; le foglie sono cuoriformi, i fiori danno frutti tenerissimi se li si apre con le dovute maniere. :))

    buona giornata
    .marta

    • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 14:39 #

      Quanta passione.marta. A me non è che piaccia granché ma a maggior ragione mi affascina il tuo entusiasmo
      🙂
      ml

  6. salvo la cimice 17 febbraio 2017 a 21:51 #

    qualche potatura preventiva no? vediamo se riesco a mettere una buona parola…Paganesimo o non paganesimo il signor nocciolo è di per se l’albero della saggezza.. Nei matrimoni si dannno i confetti? ma in verità se nascondono le nocciole è un augurio di fecondità….e poi dolce dolce la fatina di Cenerentola… la sua bacchetta era fatta di legno di nocciolo… quindi magia e desideri alla grande! Ti regalerà grandi soddisfazioni se lo omaggerai di un “taglio” meno punkettaro ok? (dovevo dire Rasta, assomiglia ad un Rasta adesso!! ) 🙂 buona serata e … pota!

    • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 23:06 #

      mi piace la tua briosa perorazione che spazia dalle favole alle tradizioni di paese 🙂
      per la potatura credo che ormai dovrò aspettare il prossimo inverno, ormai è pieno di amenti, non credo gli faccia bene.
      un sorriso e un ben arrivata
      ml

      • salvo la cimice 18 febbraio 2017 a 00:10 #

        Purtroppo direi di sì. Ma sfoltire i rami privi di gemme si può ancora fare e poi concime biologico intorno. Metti fra gli appunti per la prossima stagione del sonno ok? Spazio…. Ma non è l’ultima mia frontiera. Insomma Star trek ne ha di strada da fare per raggiungere un tasso di curiosità come il mio. 😄. A presto!

      • massimolegnani 18 febbraio 2017 a 00:50 #

        segnato tutto 🙂
        ciao

      • salvo la cimice 18 febbraio 2017 a 01:33 #

        Buon sonno. 😊

      • massimolegnani 18 febbraio 2017 a 01:38 #

        anche a te 🙂

  7. tramedipensieri 17 febbraio 2017 a 22:24 #

    Sono nata in un piccolo paese circondato da castagni, noccioli e noci…tra queste piante i noccioli sono quelli più teneri, delicati alberelli tra i giganti del bosco.

    • massimolegnani 17 febbraio 2017 a 23:11 #

      dev’essere bello girare per i boschi a far provviste di castagne, noci e nocciole 🙂

  8. Annibale 18 febbraio 2017 a 10:17 #

    Ho riso dall’inizio alla fine. Grazie. Mi ci voleva.

    • massimolegnani 18 febbraio 2017 a 12:43 #

      mi fa piacere, l’obbiettivo era quello, scrivere una cosa leggera.:)
      ciao Annibale,
      un saluto
      ml

  9. teti900 18 febbraio 2017 a 10:50 #

    essì, hai proprio ragione.
    è indistruttibile e invadente.
    le ho provate tutte (tranne il veleno chimico), ma niente da fare.
    dalle mie parti sputi per terra e nasce un nocciolo.
    più lo tagli e più si allarga la ceppaia, a meno di lasciar sfogare un ramo in tronco e forse intorno nascono meno polloni, ma dipende.
    oltretutto attira i cinghiali e dove non arrivano loro ci pensano gli scoiattoli e così è un miracolo se riesco a rubarne una manciata da sgranocchiare quando sono ancora fresche:(

    • massimolegnani 18 febbraio 2017 a 12:46 #

      cinghiali a parte ho i tuoi stessi problemi e in più, essendo il nocciolo vicino alla cinta, ho i compaesani che chiacchierando strappano rami per mangiare più comodamente le nocciole.
      ciao teti
      buona giornata
      ml

  10. blogcambiopasso 18 febbraio 2017 a 15:28 #

    direi azzeccatissimo il paragone col PD …

  11. vikibaum 19 febbraio 2017 a 09:09 #

    buondì..io odio la nutella fin da piccina -l’associazione è immediata con il nocciolo- ma amo moltissimo questa pianta: nella mia casa nei monti ne ho un boschetto, un intrico di rami a non finire condomini di splendidi lucidi neri merli…un bel pezzo, divertente e divertito. ciauuu

    • massimolegnani 19 febbraio 2017 a 10:29 #

      A quanto pare non c’è come parlare male dì qualcuno, un nocciolo, per scoprire tanti suoi estimatori. È la cosa non mi dispiace:)
      Ciao Viki
      ml

  12. Cose da V 19 febbraio 2017 a 18:28 #

    Gli alberi mi stanno tutti simpatici anche se mi fanno una gran pena, non chiedermi il motivo perché non lo so.
    Ma ho trovato il tuo racconto simpaticissimo, non penso che il nocciolo se la sia presa, anzi : D

    • massimolegnani 19 febbraio 2017 a 18:56 #

      simpatica tu ad assolvere la mia ironica tirata d’orecchie al nocciolo (penso che anche lui si sia fatto una risata)
      ciao V. 🙂
      ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: