uomini e cani

10 Mar

by t.legger

 

 

Mi capitava di incrociarlo sullo stradone tra Strambino e il Grevellino, non sapevo chi fosse ma mi colpivano la capigliatura argentea e l’aria pacifica con cui pedalava su una bicicletta da passeggio, io sempre a pestare sui pedali come volessi distanziare la mia ombra. Non lo conoscevo eppure ci scambiavamo un cenno di saluto, io un movimento secco del mento lui un elegante arco a mano aperta. Un po’ mi disturbava la sua placida assenza di fretta, la noncuranza per la prestazione. Ogni tanto si faceva accompagnare dal cane, un setter fulvo, che sembrava adattarsi per ubbidienza al passo lento del padrone, fosse stato per lui sarebbe andato ben più veloce.

Per qualche tempo non l’ho più visto e l’ho dimenticato. È ricomparso dopo qualche mese a bordo di un grosso triciclo, la ruota posteriore sdoppiata a dare aiuto a un equilibrio di per sé precario. Doveva aver avuto un malanno grave con postumi importanti e irrisolvibili. Non aveva più il cane al guinzaglio, perché, per quanto bravo fosse il cane, l’uomo non era sicuramente in grado di badargli. Quel caparbio ritorno in sella me lo rese più simpatico, ora lo salutavo a mano aperta ed era lui a rispondere con un cenno del mento, le mani ben strette sul manubrio. La pedalata, ancora più lenta di quanto la ricordavo, aveva assunto una certa maestosità, non era un uomo ridicolo su un triciclo ma un modesto vincitore contro le avversità della vita. E ancora non aveva finito di stupirmi. Ieri l’ho di nuovo incrociato: al triciclo era agganciato a mo’ di rimorchio un carretto. E sul carretto il cane. L’uomo pedalava con un umile solennità, a schiena dritta, il setter, statuario, stava ben saldo sulle quattro zampe, il pelo lucido, il muso affilato offerto all’aria. Erano regali, da strappare ammirazione al mondo e a me.

A casa Camilla mi interroga con i suoi occhi da cucciolo, forse mi chiede se, quando lei sarà grande e io anziano, avrò il coraggio di quell’uomo. O forse me lo sto chiedendo io e non so cosa rispondere.

Annunci

44 Risposte to “uomini e cani”

  1. lamelasbacata 10 marzo 2017 a 11:18 #

    L’uno ama e tiene vivo l’altro, entrambi sono necessari.

    • massimolegnani 10 marzo 2017 a 12:25 #

      sì, la stessa impressione che ho avuto io, quel sostenersi a vicenda.
      un abbraccio, Mela
      ml

      • lamelasbacata 10 marzo 2017 a 13:31 #

        Anche a te e a Camilla che ti guarda con gli occhi dell’amore assoluto

      • massimolegnani 10 marzo 2017 a 15:19 #

        A quegli occhi si perdona qualunque marachella 🙂

  2. Tati 10 marzo 2017 a 11:21 #

    il coraggio di accettare il tempo che scorre e afferra il corpo come meglio riesce…
    e continuare la propria strada, se necessario cambiando i mezzi per percorrerla ma sempre con la stessa fierezza…
    molto bello, come sempre
    Buona giornata
    tati

    • massimolegnani 10 marzo 2017 a 12:26 #

      ecco “fierezza” è il termine giusto, per entrambi loro!
      grazie Tati 🙂
      ml

      • Tati 10 marzo 2017 a 16:30 #

        mi piace il termine “fierezza”… sembra slanciare la schiena verso l’alto, allargare lo sterno a quello che arriva… mi pare una sicurezza consapevole, forse un po’ spavalda ma sempre misurata 🙂

      • massimolegnani 10 marzo 2017 a 17:03 #

        esatto! e in quello stare fieri, spavaldi e misurati erano identici, cane e padrone 🙂

  3. labloggastorie 10 marzo 2017 a 12:02 #

    A volte degli altri guardiamo le cose da lontano perché da vicino capiremmo che sono anche nostre.
    Un abbraccio

  4. remigio 10 marzo 2017 a 12:03 #

    Bella riflessione, come al solito! Mi viene da pensare che la vita è proprio strana. A volte succede che esistono delle persone che vivono tra di noi, che ci sono diventate familiari, che fanno parte della nostra vita quotidiana pur non sapendo nulla di loro. Sono persone che salutiamo quando le incontriamo e che ci preoccuperemmo se un giorno non dovessimo più vederle al solito posto, sentiremmo quasi la mancanza di quelle vite, che senza conoscerle, “conosciamo” da tanto tempo. E’ un po’ quello che succede tra di noi, qui sul blog, caro ML Non ci si conosce, se non virtualmente, eppure soffriremmo un po’ se non ci si dovesse più “rivedere”. Pessoa scriveva, e scusami per questi miei riferimenti letterari: “ Nostalgia ! Ho nostalgia perfino di ciò che non è stato niente per me, per l’angoscia della fuga del tempo e la malattia del mistero della vita. Volti che vedevo abitualmente nelle mie strade abituali: se non li vedo più mi rattristo; eppure non mi sono stati niente, se non il simbolo di tutta la vita”.
    Un saluto a te e buona giornata :-)

    • massimolegnani 10 marzo 2017 a 12:32 #

      Pessoa, come spesso, qui è perfetto nell’esprimere quello che io racconto tra le righe e che tu riprendi nel commento (che condivido a pelle prima ancora che con la ragione)
      Ciao Remigio e grazie per il tuo bell’intervento
      ml

  5. quarchedundepegi 10 marzo 2017 a 12:12 #

    Bel racconto. Sembra una favola.
    Buona giornata… anche a Camilla.
    Quarc

    • massimolegnani 10 marzo 2017 a 12:34 #

      Una favola reale, ne ho solo levigato un po’ gli angoli, ma quel cane e il suo padrone pedalano davvero nelle mie strade 🙂
      ciao quarc
      ml

      • quarchedundepegi 10 marzo 2017 a 12:39 #

        Infatti ho scritto “sembra”.
        Esistono infatti tante belle realtà che sembrano favole. Non ce le raccontano quasi mai. Quasi solo morti e furti e…
        Ciao.
        Quarc

        P.S.: Non vieni più a trovarmi?

      • massimolegnani 10 marzo 2017 a 12:46 #

        infatti fa piacere poter raccontare ogni tanto qualcosa che non sia “morti e furti”
        sì, passerò a trovarti 🙂

  6. Nuzk 10 marzo 2017 a 18:54 #

    Bellissima Camilla. I cani hanno pazienza. Amano i loro umani e se ne occupano forse anche più di quanto non facciamo noi con loro.
    Ovviamente Camilla è sul divano solo per la foto…. 😛

    • massimolegnani 10 marzo 2017 a 20:02 #

      Si, penso sia stato il suo cane a dare a quell’uomo un motivo per tornare in sella nonostante gli acciacchi.
      Quanto a Camilla, lei sa che non deve salire sul divano e allora fa quella faccia tra l’implorante e il birichino e tu piu che sgridarla le fai una foto 🙂
      (Ben ritrovata Nuzk, un abbraccio caloroso)
      ml

      • Nuzk 10 marzo 2017 a 21:00 #

        🙂 forse è per questo che ho tante foto dei miei cani sul divano. Ricambio l’abbraccio.

      • massimolegnani 10 marzo 2017 a 21:36 #

        Ti sorrido
        Ciao

  7. blogcambiopasso 10 marzo 2017 a 22:31 #

    Che tenerezza questo omino col suo cagnetto!

  8. gelsobianco 12 marzo 2017 a 04:25 #

    Dì a Camilla che, quando lei sarà grande e tu anziano, avrai il coraggio di quell’uomo.
    Io ne sono certa.
    In te vi è grande fierezza, ml.
    Emozione viva sempre nel leggerti.
    E quell’immagine, quello sguardo…
    🙂
    gb

    • massimolegnani 12 marzo 2017 a 19:44 #

      Glielo dirò, ma non sono così sicuro che riuscirò a fare come quest’uomo.
      Comunque ti ringrazio per la fiducia:)
      Un abbraccio, gb
      Buona serata
      ml

      • gelsobianco 12 marzo 2017 a 23:12 #

        Sai comunicare la emozione in modo profondo.
        E’ proprio perchè non sei sicuro di riuscire a fare come quell’uomo che ti comporterai nello stesso suo modo.
        Sì, la fierezza è in te, ml.

        Buona serata
        Ti abbraccio
        gb

      • massimolegnani 12 marzo 2017 a 23:28 #

        mi piace questo concetto della titubanza come conferma a riuscire!
        ti sorrido

      • gelsobianco 12 marzo 2017 a 23:37 #

        io sento molto quello che ti ho scritto.
        mi appartiene.
        ti sorrido, ml caro
        gb

      • massimolegnani 13 marzo 2017 a 01:14 #

        ne sono convinto
        un sorriso a te

      • gelsobianco 13 marzo 2017 a 03:01 #

        grazie
        buona notte, ml
        🙂
        gb

      • massimolegnani 13 marzo 2017 a 10:30 #

        🙂

  9. alessialia 14 marzo 2017 a 08:46 #

    Due che si danno forza a vicenda… dignita e fierezza di vivere superando le avversita della vita ml… belluzza camilla!

    • massimolegnani 14 marzo 2017 a 10:13 #

      sì, si sostengono a vicenda e sono belli e dignitosi a vedersi
      un abbraccio
      ml

  10. Patrizia Caffiero 14 marzo 2017 a 11:46 #

    che meraviglia questo post. Mi fa pensare a mia madre che, sulla sedia a rotelle, sembra una dolcissima regina e non ispira pietà, ma ammirazione. Certe rivincite dello spirito. Chissà come è stato felice di poter tornare sulla strada con il suo cane.

    • massimolegnani 14 marzo 2017 a 12:28 #

      che piacere questo tuo commento, sei entrata a tuffo nello spirito del brano a raccogliere dal fondo la sua essenza.
      sì, sono le rivincite dello spirito.
      grazie, Patrizia,
      ml

  11. mrsbean73 15 marzo 2017 a 00:58 #

    Un bellissimo affresco come sempre. Le storie degli altri hanno un fascino senza pari e tu sai come farle arrivare! Buona notte 😃😘

    • massimolegnani 15 marzo 2017 a 01:23 #

      sei gentile!
      contento ti sia arrivata l’emozione attraverso le parole
      buonanotte a te 🙂
      ml

  12. Miriam Sol 18 marzo 2017 a 15:42 #

    La forza di trovare una soluzione quando la vita, avversa, sembra solo dare problemi. Qs è la grandezza dell’uomo. Grandezza che acquista consistenza anche per gli altri, quando qualcuno come te la sa vedere e la restituisce attraverso la scrittura. Grazie, ml.

    • massimolegnani 18 marzo 2017 a 16:49 #

      E’ a quell’uomo che dovremmo dire grazie perche’ e’ un insegnamento per tutti quanti noi.
      Un abbraccio sentito,
      ml

  13. Miriam Sol 19 marzo 2017 a 14:27 #

    è un insegnamento che ha bisogno di un “portavoce” per poter arrivare ad altri. 🙂

  14. Lallib 3 aprile 2017 a 12:57 #

    Non c’è legame più forte e sincero di quello tra un cane e il suo uomo. 😊

    • massimolegnani 3 aprile 2017 a 13:03 #

      è vero, e poi mi piace come ribalti il rapporto: il cane e il suo uomo, dici, e non l’uomo e il suo cane 🙂
      ciao e benvenuta qui
      ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: