i ponti in ferro sul Ticino

10 Mag

by c.calati

 

 

Sesto, Oleggio, Turbigo, la Becca, da quando abbandona il Lago fino alla sua fine, quando s’unisce al Po da pari a pari, il Ticino ha ponti brutti e cari dalla struttura in ferro. Tutti li ho pedalati, con emozione sempre, che ogni volta costituiscono un ritorno alla mia infanzia o una proiezione folle al mio futuro. Non sono opere d’architettura, piuttosto suture da chirurgo di guerra, filo grosso punti larghi, che era urgente rimarginare le sponde ferite. Quando li attraverso le giunzioni pulsano al ritmo di un cuore saldo, tutum tutum. E sotto scorre il fiume come sangue nelle vene.

by c.calati

Annunci

31 Risposte to “i ponti in ferro sul Ticino”

  1. Mezzatazza 10 maggio 2017 a 09:41 #

    Mi piace molto il pensarli come suture, sono veramente brutti. Come molte cose a cui, ormai, si è molto affezionati.

    • massimolegnani 10 maggio 2017 a 11:49 #

      brutti e insostituibili, come certi ricordi di cui non puoi più fare a meno.
      ciao Tazza,
      ml

  2. Tati 10 maggio 2017 a 10:00 #

    e come quelle suture ricordano alla terra, come al nostro corpo, la vita che è trascorsa con le sue lotte, le sue battaglie e aiutano a passare oltre senza dimenticare, perché per fortuna il sangue continua a scorrere nelle vene e il cuore a pulsare.
    🙂

    • massimolegnani 10 maggio 2017 a 11:55 #

      sì, Tati, in queste strutture in ferro io vedo giunzioni, ricongiungimenti, guarigioni e memoria della terra (io sono nato al di là di quei ponti e il pulsare del ferro mi riporta a casa)
      un sorriso
      ml

  3. Donatella Calati 10 maggio 2017 a 11:29 #

    tutum, ciafciaf … il vecchio ponte di barche di Sesto, legno prima del ferro, un cerotto provvisorio a unire i margini, passerella traballante per la nostra voglia di scampagnate lasciandoci alle spalle la guerra finita da poco

    • massimolegnani 10 maggio 2017 a 11:58 #

      questa non la sapevo, non ho memoria del legno delle barche ma mi piace scoprire che i primi attraversamenti a scampagnare siano stati su quei ponti provvisori.
      grazie Dona
      tu sei sempre il mio archivio di ricordi 🙂
      un abbraccio
      io

  4. Pendolante 10 maggio 2017 a 12:13 #

    Il vecchio Ponte dell’Uccellino vicino a casa mia prende il nome dal barcaiolo che traghettava nell’800 da una riva all’altra i viandanti. Era piccolo l’uomo e quindi lo chiamavano “Uccellino”. Dopo di lui si costruì un ponte di barche diventato poi di legno e ora asfaltato, ma la struttura in ferro rimane. Brutta, ma le voglio bene

    • massimolegnani 10 maggio 2017 a 15:06 #

      mi piace questo evolvere del ponte (da prima ancora che fosse ponte) senza rinnegare, nel nome e nella struttura, il suo passato.
      🙂
      ml

  5. Daniele Verzetti Rockpoeta® 10 maggio 2017 a 16:25 #

    Sono il paradigma del nostro pianeta: certi orrori dell’uomo accanto alle meraviglie della natura. Poi ci sono gli artisti che fanno chiese stupende, dipinti eccezionali, sculture uniche, ma sono la minoranza rispetto al resto dell’umanità.

    • massimolegnani 10 maggio 2017 a 20:10 #

      Sì è vero, sono brutte strutture metalliche rispetto alla bella semplicità della natura, eppure io ci sono affezionato e ormai le vedo come un tutt’uno con l’ambiente circostante. Forse faticherei di più ad accettare un ponte-opera d’arte alla Calatrava 🙂
      Ciao Daniele, buona serata
      ml

  6. lucilontane 10 maggio 2017 a 17:24 #

    Pensa che a me piacciono… così come sono, vecchi e ferrosi. Perché mi sono segno del tempo che é passato, che c’era e che resta. (E sono un po’ stanca di questa modernità a tutti i costi). La tua lettura é dolce, perché oltre al tempo contempla le persone che li sopra si sono baciate, quelli che hanno attraversato mille volte per lavorare, per andare ai campi, per raggiungere qualcuno. Insomma, che belli.

    • massimolegnani 10 maggio 2017 a 20:13 #

      Ecco, luci, confermi quello che ho appena scritto a Daniele. Con tutta la loro pesantezza e la loro ruggine sono belli perché vissuti è da generazione uniscono la gente delle sponde.
      Ti abbraccio
      ml

  7. labloggastorie 10 maggio 2017 a 20:34 #

    Mi piace molto questa tua immagine del ponte…una cicatrice che è il bacio ritrovato di due lembi di pelle.
    E io per un momento ho pensato al ponte come a un perdono.
    Ti abbraccio!

    • massimolegnani 11 maggio 2017 a 01:12 #

      se non perdono, riconciliazione, intesa, incontro
      abbraccio te
      ml

  8. MD 11 maggio 2017 a 14:34 #

    Ci sono momenti nella vita in cui vorresti essere già “dall’altra parte del ponte”… Ponti. Manuale di Valutazione dello stato dei Ponti: strallato, arco, piedritto, pila, spalla, trave, scossalina, etc, etc,

    • massimolegnani 11 maggio 2017 a 14:41 #

      sì! e altri momenti in cui vorresti stare nel mezzo, effettuare un passaggio lento, assaporare il modo e il luogo.
      ciao, benvenuta qui 🙂
      ml

  9. Transit 11 maggio 2017 a 14:55 #

    Sia nel precedente post che in quest’ultimo, non entro nel meriti dei due contenuti, mi colpiscono di più le immagini che riporti, in entrambi i casi sono rappresentati due ponti: l’ultimo, a parte il sentimentalismo dei nativi e dei frequentatori di quei luoghi, è brutto; il secondo invece è bellissimo da tutti i punti vista, ovvero nel guardarlo a distanza e nell’attraversarlo o sostarci sopra. Il tema, ad occhi chiusi e a occhi aperti, cosciente e non cosciente, in entrambi i casi, al di là della quotidianità, è l’attraversamento, non solo della realtà tout court, ma di quest’ultima negli spazi angusti di se stessi?

    • massimolegnani 11 maggio 2017 a 16:03 #

      Avevo notato anch’io la coincidenza non cercata delle due foto e convengo con te che da un punto di vista puramente estetico non c’è confronto tra i due ponti. Ma se il tema in entrambi è l’attraversamento, da veglia a sonno, da un margine all’altro di una ferita, allora succede che, come dici tu con una bella immagine, nello spazio angusto di me stesso, sia l’attraversamento del ponte in ferro che mi fa vibrare d’emozione.
      Grazie Transit, ho molto apprezzato il tuo intervento.
      ml

  10. loshame 12 maggio 2017 a 19:24 #

    Bella e molto profonda

    • massimolegnani 12 maggio 2017 a 20:34 #

      Grazie,
      ben arrivato
      ml

      • loshame 12 maggio 2017 a 20:36 #

        Dai un’occhiata al mio blog e dimmi che ne pensi.
        Se ti piace puoi seguirmi 😊

  11. E. 13 maggio 2017 a 11:38 #

    “Scorre il fiume come sangue nelle vene”, bellissima immagine. Il fiume, il sangue rievocano in me sempre il concetto dell’eterno divenire.

    • massimolegnani 13 maggio 2017 a 19:06 #

      Sì, il continuo divenire in cui il ponte simboleggia il legame tra i diversi tempi
      Grazie e benvenuta
      ml

  12. newwhitebear 13 maggio 2017 a 22:52 #

    I ponti in ferro? ce ne sono molti anche sul Po.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: