Archivio | luglio, 2017

là, dove finiscono gli alberi

30 Lug
FullSizeRender

by c.calati

 

 

 

 

Dopo l’odorosa resina respirata per chilometri, quasi improvvisa compare una linea di rarefazione che ti sgomenta come un orizzonte vuoto, rari si fanno i pini e raro ti sembra l’ossigeno nell’aria e nei polmoni. Varcata quella linea sei in campo aperto, nessuna protezione, nessuna salvezza, un cecchino potrebbe farti secco come un coniglio, Continua a leggere

Annunci

scrittura bruciata troppo in fretta

27 Lug

by c.calati

 

 

 

 

 

Davanti alle parole divento pendolo, oscillo tra desiderio di preservare quanto scritto e impulso a seppellirlo con nuovo scrivere, come terra da gettare sulla fossa, o fuoco che incendi la catasta. Sì, ardo di novità e intanto brucio brani di appena ieri. Continua a leggere

non è successo niente

23 Lug
IMG_0485

by c.calati

 

 

 

Non abbandonare i sentieri battuti è la prima regola se fai montagna d’inverno.

Ma poi succede che si cede alla tentazione, quando già si è sulla via del ritorno.

E non ti sembra un’imprudenza ma una cosa quasi naturale lasciare il percorso sicuro, neve pressata e alti paletti rossi a perdita d’occhio, per inoltrarti nella verginità del bosco, male che vada tornerai a ritroso sui tuoi passi, vecchio pollicino senza sassolini ma con orme profonde lasciate chiare nella neve fresca. È che una nevicata così, che tutto avvolge e trasforma, te la sognavi sin da bambino e ora te la vuoi godere fino all’ultimo fiocco. Continua a leggere

oltre Gressoney

20 Lug
FullSizeRender

by c.calati

 

 

 

Sono arrivato a un’età in cui il timore maggiore è il declino, come a quarant’anni lo è che compaiano i primi capelli bianchi o a trenta la pancetta. In questi giorni avevo la sensazione che le gambe in bici non avessero più la forza (già scarsa, in termini assoluti!) degli scorsi anni, avevo difficoltà a tenere il passo del mio compagno di sgroppate e muscoli indolenziti dopo ogni uscita. Continua a leggere

fidati!

17 Lug
foto

by c.calati

 

 

 

Il fatto è che non gli avevo mai creduto.
Eppure gli avevo risposto sempre sì, va bene, qualche volta con un sorriso tirato a sfoglia sulle labbra, altre piangendo silenziosamente nel buio della stanza mentre lui mi amava, instancabile e sereno.  Continua a leggere

e tu?

13 Lug
img_0253

by c.calati

 

 

L’intermittenza affettiva dei gatti, la malinconia degli asini, la bellezza sperperata del pavone, l’euforia fedele dei cani, la saggezza solitaria delle capre, Continua a leggere

telo da mare

10 Lug
FullSizeRender

by c.calati

 

 

Sembra buffo ma non saprei dire il rumore del mare, che a quel tempo c’era vicino un chiacchiericcio fitto che io stesso alimentavo e più lontano un vociare ininterrotto di bambini persi in imprese ardite sulla sabbia. Allora non m’importava la magia della risacca, non percepivo il confine incerto tra terra e acqua dove queste si fan fanghiglia perfetta per i bimbi, nè usavo l’orizzonte a separare il bello e il brutto, c’erano solo spiaggia e tempo illimitati. Avevo un libro, la noia, il sole, la parola fiacca, tutto mi attraversava e nulla trattenevo, chi poteva immaginare che erano lo sperpero di una ricchezza sconosciuta?  Continua a leggere