Archivio | dicembre, 2017

terra madre

30 Dic

lo ripropongo da creandoutopie.wp

CREANDOUTOPIE

by web

Quando fu il suo turno, afferrò anche lui una manciata di terra. Umida e fredda, la tenne stretta nel pugno come a scaldarla e all’ultimo istante, anziché spargerla nella fossa, se ne riempì le tasche del cappotto, quasi furtivamente.

View original post 250 altre parole

Annunci

acquerello d’appena prima di pranzo

28 Dic

by lepastelblue.wordpress.com (grazie)

 

 

Il fumo dai comignoli va a spandersi sui campi, una nuvola lanosa cancella il profilo alla collina, la pioggia lava la neve, briciole di pane sparse sul terrazzo per il becchettare infreddolito di cince e passeri, lo scheletro invernale degli alberi. Continua a leggere

circo di scrittura

26 Dic

by web

 

 

 

A volte è una cavalla, la parola, che agile volteggia in tondo sotto il tendone. Sul suo dorso scuro piroetta una ballerina per lo stupore di un pubblico bambino. Raccoglie applausi l’uomo in cilindro e rosso frac che con la frusta lunga ha scandito il ritmo del galoppo come fossero versi di poesia. Continua a leggere

A tavola

23 Dic

by t.legger

 

Qualcuno manca e sarà sempre un posto vuoto a tavola ed uno occupato al cuore. Continua a leggere

solstizio d’inverno

21 Dic

by c.calati

 

Il ventuno di dicembre è una ragazzina in altalena che ondeggia avanti e indietro  canticchiando una canzone, e gioisce e si smarrisce in quella malinconia che ancora non conosce. Continua a leggere

il filo rosso che ci unisce

20 Dic

un fragile, tenace, filo che non andrebbe mai spezzato

CREANDOUTOPIE

by c.calati

Sabato mattina, reparto zeppo di variegata umanità. Parecchio lavoro e una piccola fortuna, il buon affiatamento che ho con infermiere e mamme con cui divido queste ore. Alle mamme, che sono qui da qualche giorno, piace assistere e in qualche modo partecipare a una specie di teatrino che improvvisiamo per le stanze, che le faccia sentire ancora vive, sapere la gravità dei figli eppur trovare il tempo breve delle risa. Fabio, per esempio, a tre anni è un veterano d’interventi al cuore non sempre andati bene ed ha una mamma tenace, una Penelope che nel silenzio tesse le speranze, tesse e sorride. Così a metà del giro di reparto, che nel fine settimana perde i ritmi solenni e i gesti canonici, Laura, l’ausiliaria che sembra la Litizzetto, si presta a punzecchiarmi e a ricevere bordate in mezzo al corridoio. Motivo del contendere è il risotto col radicchio che…

View original post 1.048 altre parole

a spasso con Camilla

18 Dic
IMG_5131

by t.legger

 

 

Neve nei campi, un sole che ti dà un’illusione di tepore, aria frizzante e asciutta, umidità ai minimi storici. Impossibile resistere. Così, scarponi e guinzaglio, esco con Camilla. Prendiamo lo sterrato che costeggia il canale e che presto si fa sentiero, prima accanto all’acqua, poi a salire tra vigne addormentate e boschetti di gaggìa.   Continua a leggere