creando utopie

2 Dic

by c.calati

 

 

L’utopia è un ponte in pietra sospeso tra speranza e realtà. Si realizza se ognuno porta la propria pietra.

Vi segnalo un blog nato da poco (https://creandoutopie.wordpress.com/), che nel nome, negli intenti e nei primi riscontri trovo abbia un fascino particolare. Lo definisco un blog comunitario perché vi collaborano parecchi autori e in qualche modo mi sembra la realizzazione di quel pergolato di uva fragola che vagheggiavo tempo fa in un  post (blogger che viene, blogger che va), forse qualcuno se lo ricorda.

Mi piace l’aria che si respira lì, l’aiutarsi vicendevolmente (io che sono una capra informatica li ho costretti a un superlavoro per correggere i casini che ho combinato in poche ore e per guidarmi al meglio) con l’intento di costruire una casa comune, che non vuole essere una “seconda casa”, una “casa delle vacanze” per blogger sfaccendati, ma un luogo comune (che bello dare un significato positivo a parole spregiate come luogo comune!) dove ritrovarsi e lavorare insieme. Dateci un’occhiata, io intanto vi aspetto qui con un grappolo d’uva da offrirvi in cambio dei vostri pareri.

64 Risposte a “creando utopie”

  1. PindaricaMente 2 dicembre 2017 a 13:40 #

    Se lo consigli tu, lo seguo subito, Massimo.
    Mi piacciono i blog collettivi, quelli scritti a più mani e a più voci.
    Grazie del consiglio, gli darò un’occhiata!

  2. remigio 2 dicembre 2017 a 14:17 #

    Grazie davvero per la bella segnalazione. Ma lasciami spendere una sola parola per quello scorcio di paradiso sopra riportato e, probabilmente, da te visitato: è meraviglioso! Che bei posti che frequenti! 🙂

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 15:14 #

      A meta’ della valle più trascurata della Valle d’Aosta, c’e’ questo borgo a ridosso del torrente, fermo nel tempo, solcato da una serie di ponti in pietra, uno più bello dell’altro. La bicicletta mi aiuta a scoprire luoghi che in auto sfuggono facilmente.
      Ciao Remigio
      un caro saluto
      ml

  3. Primula 2 dicembre 2017 a 14:18 #

    Vado subito a sbirciare. Il concetto di “casa comune” mi piace da sempre.
    Grazie per il suggerimento Massimo. 🙂

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 15:17 #

      Si’ e’ un bel concetto che ogni tanto bisogna rispolverare perché sempre più trascurato al giorno d’oggi.
      Ciao Primula, un sorriso
      ml

  4. lamelasbacata 2 dicembre 2017 a 14:19 #

    Bellissima la foto e utopiche le tue parole 😊

  5. Evaporata 2 dicembre 2017 a 14:21 #

    Grazie Massimo. A proposito del tuo post “blogger che viene…” lo ricordo bene, forse l’ho anche ribloggato.

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 15:19 #

      Mi ricordo, lo volevi ribloggare ma proprio quel giorno Neda ti ha preceduto 😦
      un sorriso
      ml

  6. Franco Battaglia 2 dicembre 2017 a 14:35 #

    C’è di mezzo l’avvocatolo…dovevo immaginarlo.. 😉

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 15:20 #

      C’e’ lui e molti altri, un bel gruppetto 🙂
      Ciao Franco
      ml

  7. pikaciccio 2 dicembre 2017 a 15:53 #

    Ma grazie dei bellissimi commenti … su creandoutopie … noi che ci lavoriamo ne siamo molto fieri

  8. Transit 2 dicembre 2017 a 16:38 #

    Come primo incontro mentre ci offri dei grappoli d’uva ci mettiamo a piedi nudi e come Ulisse e i suoi compagni di viaggio pigiamo in un grande tino dopo di che potremo anche brindare e inebriarci di uva e parole. Tutti insieme con le nostre storie e le altre che trepide attendono. Vado di là a dare più di un’occhiata, anzi molteplici.

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 17:14 #

      che bello, Armando, questo vino fatto in fretta da un solo grappolo per brindare con almeno una goccia 🙂
      buone letture
      ml

  9. cazzeggiodatiffany 2 dicembre 2017 a 16:55 #

    Bella questa riabilitazione della locuzione Luogo comune e bello anche quello spazio condiviso.. sono andata a curiosare e.. sa di buono!

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 17:15 #

      grazie Tiffany, da parte di tutti
      .e sì, evviva il luogo comune 🙂
      ml

  10. Aria Mich 2 dicembre 2017 a 16:57 #

    Il nome del blog non mi è nuovo, andrò a curiosare!
    Ma è meravigliosa la foto che hai scattato 😍 da contemplare, davvero. Le casette, il ponte, tutto quel verde… respiro forte! 😀

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 17:16 #

      è una foto rasserenante e quanto mai vera 🙂
      ciao Aria
      un sorriso
      ml

      • Aria Mich 2 dicembre 2017 a 17:21 #

        Un sorriso anche a te, Massimo 😊

      • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 17:26 #

        🙂

  11. Ghiandaia blog 2 dicembre 2017 a 18:22 #

    Foto stupende, bravissimo come al solito.🚲

  12. giulia glorani 2 dicembre 2017 a 20:28 #

    Ho guardato il blog che hai consigliato, caro Massimo, e non solo l’ho apprezzato moltissimo…l’atmosfera che si respira, in effetti, è esattamente quella di cui tu parli, ma si viene immediatamente travolti da stili e modi d’esprimersi diversi. Si vede che ci sono più persone dietro. E’ stato molto stimolante, grazie per il consiglio!

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 21:51 #

      Mi fa piacere la tua impressione positiva. E’ un blog davvero particolare ed è aperto a chiunque voglia aderire.
      Buona serata, Giulia
      ml

      • giulia glorani 2 dicembre 2017 a 22:05 #

        Buono a sapersi…magari proverò a contattarli, mi piacerebbe collaborare, ogni tanto, con altri aspiranti scrittori, magari anche più bravi e capaci di me, in modo da carpire segreti ed arti di questo “mestiere”…

      • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 22:11 #

        Ti troveresti bene, ne sono convinto 🙂

      • giulia glorani 2 dicembre 2017 a 23:43 #

        Grazie, ci faccio seriamente un pensiero! =)

      • massimolegnani 3 dicembre 2017 a 00:47 #

        brava!

  13. yourcenar11 2 dicembre 2017 a 21:31 #

    Aprire un post con la foto di quel ponte è già un programma (ho salvato la foto e sto pensando di ispirarmi ad essa per dipingere). E poi a me piace l’idea di un Luogo comune, che mi fa pensare anche a Bene comune. Visiterò il blog che ci suggerisci, anche perché l’utopia oggi è quanto mai necessaria. A proposito, è già finito il tuo grappolo d’uva, vero? 😉 Ciao Cris

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 21:54 #

      Questo è un grappolo magico, ci sono sempre nuovi acini da offrire a chi arriva. Ecco assaggiane qualcuno. 🙂
      Un abbraccio, Cris
      ml

  14. tiZ 2 dicembre 2017 a 21:46 #

    La foto è meravigliosa, mi ricorda il ponte del diavolo a lucca… vado a vedere quanto consigli

    • massimolegnani 2 dicembre 2017 a 22:07 #

      È a Pontboset nella valle di Champorcer che inizia appena dopo il forte di Bard (se sei mai stata in valdaosta ci sei passata davanti)
      Buone letture, TiZ
      ml

  15. elettasenso 3 dicembre 2017 a 09:28 #

    Grazie: darò volentieri un’occhiata perché del tuo gusto e stile mi fido ciecamente
    Eletta

  16. quarchedundepegi 3 dicembre 2017 a 14:26 #

    La foto è veramente bella. Dove si trova?
    Buona Domenica.
    Quarc

    • massimolegnani 3 dicembre 2017 a 19:28 #

      Nella valle di Champorcer, all’inizi Della Valdaosta, poco dopo Bard.
      Ciao Quarc, buona serata a te
      ml

  17. newwhitebear 3 dicembre 2017 a 22:29 #

    mi sono già imbattuto in questo blog. Si, si respira una buona aria.

    • massimolegnani 3 dicembre 2017 a 22:51 #

      Sono contento che tu l’abbai visitato e apprezzato:)
      Ciao GianPaolo
      ml

      • newwhitebear 3 dicembre 2017 a 23:55 #

        interessante veramente. Ciao

      • massimolegnani 4 dicembre 2017 a 00:32 #

        allora chissà, magari ci ritroveremo presto lì come autori 🙂

      • newwhitebear 4 dicembre 2017 a 17:51 #

        Non lo so. Ciao

      • massimolegnani 4 dicembre 2017 a 18:59 #

        A presto 🙂

  18. 321Clic 4 dicembre 2017 a 01:18 #

    Ci sono passata qualche anno fa in quel posto della fotografia.
    Curioso come posti così belli si debbano chiamare orridi.

    • massimolegnani 4 dicembre 2017 a 01:28 #

      eheh, incongruenze (apparenti?) della nostra lingua.
      è un posto davvero incantevole
      ciao 321 🙂
      ml

  19. gelsobianco 5 dicembre 2017 a 03:55 #

    Prendo con gioia un tuo chicco d’uva e… andrò a visitare con calma il blog di cui tu parli.

    Ora sono affascinata completamente dalla tua fotografia magica…
    – quanti miei ricordi in quel luogo –

    Un abbraccio, ml
    gb

    • massimolegnani 5 dicembre 2017 a 09:09 #

      oh, contento che tu condivida la bellezza di quel luogo.
      qualche chicco d’uva a te
      🙂
      ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: