il vento di gennaio

19 Gen

by c.calati

 

 

 

Ha voce rabbiosa il vento di gennaio. È un sordo brontolio nel cielo quando, ancora  intrappolato in ValdAosta, preme tra Cavallaria e Monbarone per sfondare la porta del Piemonte. Quindi irrompe, sfrutta l’anfiteatro morenico come una pista da skateboard, volteggia in aria e rimbalza violento sulla terra. Diventa bastimento la mia casa, sembra che beccheggi, sbattono i legni delle ante, boccaporti dimenticati aperti, scricchiola il parquet come la tolda di un veliero, gli alberi nudi sono pennoni senza vele, rami spolpati all’aria le nostra ossa desolate.

E io nocchiero poco abile al timone spero che passi senza danni la buriana.

 

 

 

49 Risposte a “il vento di gennaio”

  1. Tati 19 gennaio 2018 a 12:48 #

    Io ho tanta paura di questo vento, mi scoperchia la pelle…

    • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 13:26 #

      è vero, ci fa le ossa a nudo, infreddolite.
      ciao Tati 🙂
      ml

      • Tati 19 gennaio 2018 a 15:00 #

        … e fa ballare i nervi.
        Buon pomeriggio 🙂

      • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 15:02 #

        già!
        🙂

  2. Paroledipolvereblog 19 gennaio 2018 a 13:19 #

    Mi fa venire un mal di testa bestiale

    • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 13:27 #

      sì, è un vento cattivo!
      buona giornata 🙂
      ml

      • Paroledipolvereblog 19 gennaio 2018 a 13:27 #

        A te

      • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 14:52 #

        🙂

  3. PindaricaMente 19 gennaio 2018 a 13:37 #

    Io lo amo il vento. Non quello che fa danni, ma quello che pulisce l’aria, che scompiglia i capelli, che avvicina cose lontane.
    Un camino, un libro e un po’ di vento.
    Non è niente, ma certe sere è bello.

    • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 14:55 #

      quello piace anche a me, ma questo è arcigno, antipatico, ti fa credere che faccia freddo anche davanti al camino.
      Ciao Pindara 🙂
      ml

  4. Primula 19 gennaio 2018 a 13:41 #

    Non amo molto il vento, lo associo alle burrasche. La brezza invece sì perché è dolce, gentile ed espime la tenerezza della natura.

    • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 14:59 #

      la brezza sì, il vento forte no
      e poi per me che sono ciclista vige un corollario alla legge di Murphy: in bici, qualunque direzione prendi, il vento è sempre contrario 🙂
      buona giornata Primula
      ml

  5. labloggastorie 19 gennaio 2018 a 14:04 #

    Già, il vento… a volte l’inverno con rabbia butta fuori il fiato, strattona con mani invisibili, abbatte ogni fragilità ma s’arrende dove è radicata primavera.
    Un abbraccio

    • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 15:01 #

      è vero, ma si vede che qui non è ancora radicata primavera 😦
      un abbraccio a te, Blogga
      ml

  6. yourcenar11 19 gennaio 2018 a 17:49 #

    Fa paura davvero, sembra quasi che voglia portarti via con sé, rabbiosamente!

    • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 20:34 #

      Si’, e’ l’esasperazione di un fenomeno che di per se’ sarebbe gradevole ma con questa intensita’ fa solo danni e rabbia.
      Ciao Cris
      buona serata
      ml

  7. gialloesse 19 gennaio 2018 a 18:00 #

    Il vento secondo Rainer Maria Rilke :

    Nel colmo della notte, a volte accade
    che si risvegli, come un bimbo, il vento.

    Solo, pian piano, vien per il sentiero,
    penetra nel villaggio addormentato.

    Striscia guardingo sino alla fontana,
    poi si sofferma, tacito in ascolto.
    Pallide stan tutte le case intorno;
    tutte le querce mute.

    • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 20:39 #

      Belli i versi di Rilke, il suo vento sembra rispettoso(tacito in ascolto) e rispettato (tutte le querce mute)
      Ciao Giallo, sei il benvenuto
      ml

  8. Evaporata 19 gennaio 2018 a 20:24 #

    Lunedì scorso qui da me c’è stato un vento terribile. Il giorno dopo ho notato che nei boschi in collina quel vento aveva finito il lavoro iniziato a dicembre dal gelicidio: tantissimi alberi spezzati, sentieri non praticabili per la quantità di tronchi abbattuti, rami e sterpaglie ovunque.

    • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 20:44 #

      Credo fosse lo stesso vento di cui scrivo, feroce, esagerato. L’unica fortuna e’ che gli alberi sono spogli e non offrono resistenza. In primavera un forza del genere farebbe danni peggiori
      Ciao 🙂
      ml

      • Evaporata 19 gennaio 2018 a 20:50 #

        Beh, qui ho visto alberi grandi e alti (forse malati?) abbattute come fossero stuzzicadenti.

      • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 21:10 #

        In effetti forse d’inverno per il gelo i tronchi sono meno elastici, non si flettono e se gia’ provati si spezzano

      • Evaporata 19 gennaio 2018 a 21:42 #

        Eh.. 😡

      • massimolegnani 19 gennaio 2018 a 23:33 #

        🙂

  9. lepastelbleu 20 gennaio 2018 a 00:05 #

    che bello il vento! qui, in questa parte di Liguria soffia quasi sempre, senza di lui ci sentiamo spaesati

    • massimolegnani 20 gennaio 2018 a 01:14 #

      un po’ mi spiace non saperlo apprezzare, forse proprio perchè qui compare saltuariamente e quando c’è è troppo impetuoso.
      un po’ t’invidio 🙂
      buonanotte Margot
      ml

  10. lamelasbacata 20 gennaio 2018 a 00:07 #

    Le stelle di gennaio sono fredde questa sera, rilucono di ghiaccio e non temono il vento che spazza il suolo. I sibili cantano tra i coppi, si insinuano e percuotono il metallo fino a farlo vibrare, in sintonia con la musica dell’aria.
    E’ arrabbiato questo vento, non è brezza gentile né soffio africano, è un misogino corrucciato che scuote i rami delle betulle e ne fa tremare l’essenza femminea e dolce.
    Vorrei essere un granello di terra afferrato da un refolo ribelle e volare via libero nel cielo di gennaio.

    • massimolegnani 20 gennaio 2018 a 01:22 #

      ecco, l’hai descritto come lo sento (le betulle! ogni anno ne spezza qualcuna)
      un abbraccio a non farti volare via 🙂
      buonanotte Mela cara
      ml

      • lamelasbacata 20 gennaio 2018 a 18:58 #

        Magari volassi via! Sono troppo pesante…. Un abbraccio grande!!

      • massimolegnani 20 gennaio 2018 a 19:10 #

        Un sorriso che e’ una carezza

    • gialloesse 20 gennaio 2018 a 10:59 #

      Grande Mela, grandissima anzi. Una poesia la tua.

  11. Ghiandaia blog 20 gennaio 2018 a 08:17 #

    A causa del vento, del giorno che tu descrivi, dovrò tagliare un ramo di eucalipto che si è piegato fino a raggiungere la porta di casa.

    • massimolegnani 20 gennaio 2018 a 11:37 #

      ..e io dei rami del ciliegio che il vento piega fino alla grondaia graffiandola..ogni anno un ramo!
      buona giornata Ghiandaia 🙂
      ml

  12. Neda 20 gennaio 2018 a 14:52 #

    In fondo alla tua foto c’è una mongolfiera.
    Bella la tua descrizione del vento.
    Ho visto dei filmati olandesi con gente che rotolava per strada e biciclette che volavano via.

    • massimolegnani 20 gennaio 2018 a 15:05 #

      aspettavo che qualcuno la notasse, brava!
      in realtà la foto è di una giornata con pochissimo vento 🙂
      ciao Neda, un sorriso
      ml

  13. newwhitebear 20 gennaio 2018 a 18:43 #

    il vento di questi giorni non è stato benevole. Ha soffiato gagliardo e freddo.

  14. Patrizia Caffiero 21 gennaio 2018 a 13:42 #

    Una convincente descrizione del vento. Il vento mi ha sempre fatto paura 🙂

    • massimolegnani 21 gennaio 2018 a 19:27 #

      ci sono due partiti, a quanto pare, gli amanti del vento e i nemici del vento.
      io sto nel secondo con te 🙂
      ml

  15. Stefi 21 gennaio 2018 a 18:43 #

    Cammina a fianco della libertà, il vento.

    • massimolegnani 21 gennaio 2018 a 19:47 #

      sì, ma spesso è la libertà sua, del vento, a scapito della mia!
      un sorriso, Stè
      ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: