glicine in fiore

27 Apr

c.calati

 

 

Te ne accorgi una mattina all’improvviso, prima ancora di aprire le ante del terrazzo, prima di cogliere nell’aria un profumo differente, te ne accorgi senza accorgertene, mentre sei intento alla silenziosa colazione: un ronzio incessante, per nulla molesto, ti entra nell’orecchio come una musica lontana e ti annuncia che il glicine è fiorito. Api, vespe, calabroni, bombi, gli imenotteri tutti, si sono dati appuntamento come milanesi alla prima della Scala, a succhiare in un brusio laborioso il primo polline. Allora abbandoni il pane su cui stavi spalmando marmellata ed esci sul terrazzo a riempirti gli occhi di quel colore indefinibile tra azzurro lilla e viola e le narici di un afrore morbido e pungente. Ti commuovi alla cascata di questi fiori effimeri che sembrano sgorgare direttamente dai mattoni della casa. E aspetti che sia sera, l’ora sospesa che imbrunisce, per officiare un breve rito, candele bianche accese a illuminare il glicine fiorito.

60 Risposte a “glicine in fiore”

  1. Pendolante 27 aprile 2018 a 12:55 #

    che meraviglia!

    • massimolegnani 27 aprile 2018 a 14:10 #

      è uno stupore sempre, che si ripresenta ogni anno
      🙂
      ml

      • Pendolante 1 Maggio 2018 a 00:14 #

        Certe ricorrenze sono sempre gradite

      • massimolegnani 1 Maggio 2018 a 08:00 #

        Vero, come quella di oggi
        🙂

  2. ilmestieredileggereblog 27 aprile 2018 a 13:02 #

    adoro il glicine! mi ricorda la casa dei nonni…

    • massimolegnani 27 aprile 2018 a 14:12 #

      è la mia pianta preferita, per la sua subitaneità e per il suo stare effimero che basta un colpo di vento e inizia la pioggia dei petali.
      ciao Pina
      ml

  3. Rincorrendo foglie gialle nel vento 27 aprile 2018 a 13:22 #

    Bellissima questa descrizione del glicine, mi sembra quasi di poterne odorare il profumo…

    • massimolegnani 27 aprile 2018 a 14:15 #

      sì, il suo profumo è intenso, roba da invidiare le api che ci si tuffano in mezzo 🙂
      grazie!
      ml

  4. Evaporata 27 aprile 2018 a 13:23 #

    Pochi giorni fa, transitando lungo un strada secondaria, ho visto un palo della luce in cemento coperto da un glicine che lo avvolgeva sino in cima. Ed era pieno di fiori!

    • massimolegnani 27 aprile 2018 a 14:16 #

      anch’io ne trovo qui in campagna: il glicine sa far belli anche i pali della luce 🙂
      ml

  5. lamelasbacata 27 aprile 2018 a 13:55 #

    Che bello il tuo rito! Molto suggestivo 😊

    • massimolegnani 27 aprile 2018 a 14:17 #

      l’importante è non dimenticare accese le candele nella notte, che mi s’incendia tutto 🙂
      un abbraccio Mela cara
      ml

  6. Neda 27 aprile 2018 a 14:00 #

    Stupendo.
    Da me accade con i fiori dei limoni. Però non accendo le candele.
    Buon fine settimana.

    • massimolegnani 27 aprile 2018 a 14:19 #

      eheh, le candele sono un rischio (ma le ho spente subito!)
      buone giornate a te, Neda
      ml

  7. Tati 27 aprile 2018 a 14:33 #

    Amo il glicine e prima o poi riuscirò a metterne uno anche io.
    Un’amica usa i rami più sottili e flessibili, quelli che magari stacchi perché getti che non hanno appigli, intrecciandoli intorno ai vasi e li lascia seccare lì…

    • massimolegnani 27 aprile 2018 a 17:10 #

      il mio di glicine è nato ben prima che arrivassi io in questa casa e ormai sale e si spande così solido lungo la parete tra i balconi canavesani che sembra essere lui a reggere la casa.
      un sorriso, Tati
      ml

  8. Valeria {Storie a muzzo} 27 aprile 2018 a 15:14 #

    Devi stare in un posto da sogno, Massimo!

    • massimolegnani 27 aprile 2018 a 17:17 #

      per il mio gusto, sì, è un luogo da sogno, ma non a tutti piacerebbe, soprattutto a chi è abituato agli agi di città; qui la caldaia fa le bizze, il vento spiffera tra i vecchi infissi, l’edera, il glicine e i rami del ciliegio rovinano grondaie e tegole, ma per me è un sogno intatto 🙂
      ciao Valeria, un sorriso
      ml

      • Valeria {Storie a muzzo} 27 aprile 2018 a 17:28 #

        Penso proprio che a me piacerebbe. Me le farei rovinare volentieri le grondaie e le tegole dall’edera, il glicine e i ciliegi.

        Un sorriso a te.

      • massimolegnani 27 aprile 2018 a 17:30 #

        🙂

  9. Ghiandaia blog 28 aprile 2018 a 09:34 #

    Il glicine dà vita alle case diroccate e ti invita a pensare a chi non c’è più e lo ha piantato con tanto amore. ❤

  10. yourcenar11 28 aprile 2018 a 12:04 #

    Grazie! Non aggiungo altro a queste tue parole così discrete. Anch’io rimango senza parole davanti alla fioritura di un glicine 💗

  11. quarchedundepegi 28 aprile 2018 a 14:17 #

    Son nato anch’io a Genova con tanta glicine. Sinceramente mi piace di più con la luce del giorno… senza candele.
    Buon Pomeriggio.
    Quarc

    • massimolegnani 29 aprile 2018 a 08:46 #

      Sono d’accordo con te, ma di giorno lo avevo già fotografato in tutte le salse 🙂
      buona giornata, Quarc
      ml
      (però non sono di Genova)

      • quarchedundepegi 29 aprile 2018 a 08:50 #

        Giusto. Volevo scrivere: Sono nato a Genova, anch’io con tanta glicine.
        Lo so che non sei genovese… però mica poi tanto lontano da Lugano.
        BUONGIORNO.
        Quarc

      • massimolegnani 29 aprile 2018 a 08:59 #

        Chiarito 🙂

  12. newwhitebear 28 aprile 2018 a 22:59 #

    il profumo del glicine è inconfondibile come il ronzare intorno. Lo stesso capita con l’agrifoglio pieno di fiori bianchi e di minuscole api (?) che fanno un via via continuo tra i fiori e il loro alveare.

    • massimolegnani 29 aprile 2018 a 08:52 #

      Bella l’immagine dell’agrifoglio dai fiori bianchi
      Ciao GianPaolo
      ml

      • newwhitebear 29 aprile 2018 a 14:36 #

        Adesso sono sfioriti ma una settimana fa era una meraviglia. Fiori bianchi, ovvero solo fiori femminili a quanto mi hanno detto. Niente bacche rosse per l’assenza della pianta maschile vicina.
        Ciao

      • massimolegnani 29 aprile 2018 a 22:32 #

        Ecco perché il mio agrifoglio non le bacche!

      • newwhitebear 29 aprile 2018 a 22:51 #

        E’ così anche per il mio.

      • massimolegnani 1 Maggio 2018 a 07:54 #

        🙂

  13. franco battaglia 29 aprile 2018 a 12:33 #

    Primavera prepotente.. amo i fili d’erba che scavano vita e mi sbucano dal cemento del garage, li officio con un rito serale anche io, anabbaglianti della mia auto a festeggiarne la tenacia.

    • massimolegnani 29 aprile 2018 a 22:28 #

      Che poi, la tenacia dei fili d’erba e il ricorrere elegante e puntuale del glicine è più il nostro sentire ad onorarli che non le candele o i fari dell’auto:)
      Ciao Franco
      ml

  14. Emozioni 29 aprile 2018 a 14:51 #

    Che diamine! Non mi arrivano le notifiche😤.
    Sto WordPress!!!
    Adoro il glicine.
    Ne avevo uno davanti a casa. Un pergolato fantastico.
    Ma poi, le radici si sono fatte strada ed hanno iniziato a sollevare la pavimentazione.
    Non ci è restato che toglierlo. Con molto dispiacere.
    Ora, quando lo noto in giro, un po’ di malinconia mi ricorda ciò che tu hai descritto, magistralmente.
    E poi le candele. Bellissima idea.
    Un tocco romantico a tanto colore e vita.

    • massimolegnani 29 aprile 2018 a 22:38 #

      Per fortuna il mio glicine da’ sul giardino per cui le radici anche se esuberanti non creano problemi alla strada.
      Grazie per l’apprezzamento
      ml
      (le mancate notifiche credo siano un caso frequente)

  15. sguardiepercorsi 30 aprile 2018 a 09:42 #

    Meraviglia…
    Un abbraccio, Massimo!
    E belle serate a lume di candela nel profumo di glicine…

  16. elettasenso 30 aprile 2018 a 19:34 #

    Adoro il glicine ci sto sotto vicino a farmi inebriare di profumo e colore. L’ho fotografato l’altro giorno. Peccato che non riesco a inserire la foto.
    Buona serata 🌸

  17. Stefi 1 Maggio 2018 a 18:11 #

    Nella campagna reggiana fra Bagnolo e San Michele della Fossa c’è un cascinale abbandonato che è quasi interamente ricoperto da un enorme glicine. Negli anni fausti osa ben due fioriture.
    Per me è un luogo d’incanto.

    • massimolegnani 1 Maggio 2018 a 23:13 #

      il glicine rende vive le rovine e dolci gli sguardi
      un sorriso Stè
      ml

  18. sandroamiciblog 2 Maggio 2018 a 16:24 #

    Buonasera Massimo. Così, senza andare a leggere in giro, ho qualche riserva sull’utilizzo che fai di “afrore”. Per me “afrore” è odore sgradevole…
    Lo so, rompo i maroni, ma mi piace il confronto…

    Buona serata

    • massimolegnani 2 Maggio 2018 a 19:07 #

      non rompi, al contrario mi fa piacere il tuo intervento che è segno di lettura attenta.
      e hai ragione, afrore ha una connotazione negativa, di odore intenso poco gradevole.
      l’ho usato un po’ a sproposito per sottolineare l’intensità del profumo.
      🙂
      ml

      • sandroamiciblog 3 Maggio 2018 a 13:36 #

        bene, mi fa piacere discutere senza “accendersi” eccessivamente come avviene troppo spesso sui “social”…
        Sandro

      • massimolegnani 3 Maggio 2018 a 13:49 #

        eheh, i social sono la negazione della discussione “civile”

  19. Tiziana 7 Maggio 2018 a 00:04 #

    Mi viene in mente la canzone di Mango…con il glicine in fiore…

    • massimolegnani 7 Maggio 2018 a 00:56 #

      mi sono dovuto documentare perchè non conoscevo la canzone (e nemmeno Mango a dirla tutta)…”nella mia città”,
      mi piace il valore simbolico del glicine che sale, sale.
      però io il glicine l’ho sempre visto come una cascata, qualcosa che scende in modo irruente
      ciao Tiziana
      ml

  20. Miriam Sol 16 Maggio 2018 a 21:57 #

    mentre ti leggevo mi sono sorpresa a inspirare profondamente per sentirne il profumo …

    • massimolegnani 16 Maggio 2018 a 23:06 #

      questo è il miglior apprezzamento che potessi rivolgermi!
      grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: