Archivio | dicembre, 2018

fuoco e fiamme

30 Dic
IMG_2143

by c.calati

 

 

Due volte all’anno, la vigilia di Natale e capodanno, il camino prevale sulla stufa, così lascio ad altri i fornelli in ghisa e m’impegno tra gli alari a fare un fuoco amico. Non il fuoco amico e tragico dei tempi di guerra e nemmeno quello metaforico e beffardo dei tempi di pace quando per dabbenaggine o sfortuna vieni impallinato come un pollo dai tuoi stessi compagni. No, in queste due occasioni il fuoco del camino diventa davvero amico, ha un che di sacro, basta avvicinarsi alla sua fiamma per provare calore al cuore e un sentire solidale con chi ti sta a fianco. Continua a leggere

Annunci

prove tecniche di trasmissione

28 Dic

by c.calati

 

 

Sotto l’albero ho trovato una fotocamera digitale, chiesta a Babbo, no, a Figlia Natale che le generazioni e i riti si sono ormai ribaltati, chiesta, dicevo, espressamente semplice e di dimensioni contenute per poterla utilizzare andando in bicicletta, infilata e pronta in una tasca della maglia. Ma siccome in questi giorni di freddo e nebbia la bici è ferma, m’impratichisco dentro casa o appena fuori, pochi passi sulla strada che presto va a morire tra i campi e i rovi colmi di brina. Inquadro, premo, scatto, fin qui tutto va liscio. Il difficile viene quando voglio trasferire le immagini dalla camera al computer.

Non sono un animale tecnologico, più che 2.0 sono 1 virgola qualcosa, Continua a leggere

vigilia di Natale in macelleria (r)

23 Dic

by web

 

 

Davanti al negozio c’erano, schiacciati contro i vetri, nasi che alitavano nel freddo e mani aperte a lasciare impronte e desideri.

Mancavano dieci minuti all’apertura e Margherita osservava preoccupata la massa di gente assiepata dietro le vetrine.

Sarebbe stato un massacro.

Quegli occhi sgranati come fosse fame e quei nasi premuti rendevano i volti dell’attesa simili alle teste dei maiali appese dietro il bancone; maiali ancora vivi che, fiutato il cibo sotto il fango, scalpitano e si spintonano grufolando, come fosse una vita che non mangiano. Continua a leggere

spirito grezzo

21 Dic

by c.calati

 

 

Non so gli intrugli agitati in società all’ora lunga dell’aperitivo, confondo bollicine, capiroska, spritz da bere mostrando denti bianchi tra i cristalli delle coppe con la nonchalance ad arte del gomito appoggiato sul bancone e i calzini in tinta. Continua a leggere

la nostalgia delle sirene

18 Dic

dal web

 

 

 

Cammino nel primo buio di città, che vero buio non è mai, tra una folla in fervore natalizio, la folla, non io, che devo solo fare una commissione che col Natale non c’entra nulla e ho scelto l’ora peggiore per farla.

Passi affrettati a togliermi d’impiccio e un umore nero che mi serpeggia dentro, quando una sirena  improvvisamente squarcia i canti d’atmosfera diffusi da ogni dove per la via: un’ambulanza si destreggia nel traffico e presto ne resta intrappolata, nelle auto musica palla o chiacchiere distratte, bambini che strepitano, genitori che litigano e nessuno che si sposta. Adulti, anziani e piccoli si tappano le orecchie infastiditi dal persistere del sibilo come fosse colpa della lettiga l’essere lì bloccata. Io le orecchie le dilato al bel suono del soccorso e provo un furore da highlander, potessi ammonticchierei le macchine ai lati della strada per aprire un varco come quell’altro le acque del MarRosso. Continua a leggere

i lampi di Lillo *

15 Dic

per gentile concessione di Sabina K. (artepsychesabina.blogspot.com)

 

 

Alto e asciutto, un paio di baffi neri a spiovere che creano una curiosa simmetria con le sopracciglia, altrettanto folte e scure e arcuate, Vigilio già nell’aspetto si distanzia dai coetanei, un corpo di trentenne non temprato né dalla palestra né dall’officina, un cervello che intuisci sempre in movimento nel guizzare inquieto dello sguardo, un atteggiamento singolare sul lavoro e in compagnia, da esilio volontario. Continua a leggere

padelle e mastelli (riti di tardo autunno)

12 Dic
IMG_2017

by c.calati

 

 

Ci sono azioni semplici che si ripetono ogni anno e segnano questo tempo di passaggio lento nell’inverno meglio delle date a calendario o delle notizie meteo sui giornali. Continua a leggere