le impronte della notte

4 Gen
volpe

by web

 

 

Silenziosa e circospetta, è stata di nuovo qui stanotte la figura senza nome e senza volto affamata di parole. Dormivo mentre lei si aggirava per il blog, come la volpe tra i cespugli del giardino, sai quando al mattino ti alzi e vai a fare due passi per il prato: lei si è già eclissata da tempo ma tu trovi qualche segno del suo passaggio e ne gioisci, impronte sulla neve, la piccola piramide di escrementi, poche piume tra l’erba, residuo di un banchetto meritato, non ho galline o anatre ma sui rami del tasso dormono predestinate tortore e passeri infelici di contribuire alla catena della sopravvivenza.

Così provo il medesimo piacere se in un mattino come oggi accendendo il pc trovo tracce di un visitatore insolito, non l’abituale cacciatore notturno di culi e tette che qui fa magro bottino, ma qualcuno che si è seduto a leggere assaggiando qua e là le mie parole. Allora io sto lì in un breve incanto a osservare quali siano i brani letti, e spesso coincidono con i miei preferiti. Sto lì e mi commuovo, come se accovacciato sul terreno stessi studiando le orme lasciate sulla neve dalla volpe.

Annunci

36 Risposte to “le impronte della notte”

  1. diserieZero 4 gennaio 2019 a 23:33 #

    “Affamata di parole”… bellissimo, si visualizza nella sua delicatezza.

  2. elettasenso 5 gennaio 2019 a 08:48 #

    Sai: pensavo proprio a te ieri sera. Alla cura che hai nel rispondere sempre a modo ai tuoi lettori. Lasciando tracce di volpe. Tessendo fili tra i rami. Cucendo le trame dei rapporti. Con pazienza e attenzione. Non tutti quelli che passano lasciano tracce. Occorre calpestare il terreno, sostarvi per nutrirsi. Respirare l’aria. Dei fantasmi non ci curiamo.
    Buona giornata caro

  3. franco battaglia 5 gennaio 2019 a 09:47 #

    A me hanno fato impressione diverse nutrie, avvistate proprio in questo inizio d’anno, in riva al lago di Montepulciano, riserva naturale e oasi di serenità per diverse specie di uccelli acquatici (garzette e aironi su tutti), passeggiavano serene a riva, le nutrie, grossi castori in grazia di dio, tra quelle acque placide e il verde tutt’attorno… come potrebbe essere bella la vita…

    • massimolegnani 5 gennaio 2019 a 11:26 #

      io sono innamorato della volpe ma ogni animale ha una sua dignità e una sua bellezza se gli si lascia un po’ di spazio incontaminato per esprimersi.
      ciao Franco
      ml

  4. il trasloco di cristiana 5 gennaio 2019 a 12:46 #

    Ecco qui una vecchia volpe che ti ha ritrovato grazie a Massimiliano Riccardi.
    A presto.
    Cristiana

  5. pino 5 gennaio 2019 a 12:49 #

    Davvero delizioso questo accostamento tra il visitatore notturno che gira tra i post del tuo blog a caccia di parole, che poi lascerà un commento, e la volpe che si aggira tra i cespugli del giardino lasciando le proprie impronte sulla neve. Non c’è che dire: sei un maestro! E noi lo sappiamo! 😉

    • massimolegnani 5 gennaio 2019 a 13:58 #

      a volte non lasciano tracce appariscenti come like o commenti, ma io vedo ugualmente segni del loro passaggio (grazie alle note di wordpress) e ne gioisco 🙂
      grazie Pino delle sentite parole
      ml

  6. Mariella 5 gennaio 2019 a 16:42 #

    Io arrivo a te grazie al suggerimento del mio amico Franco. Le mie orme sono visibili, durante il giorno. Sono sonore.

    • massimolegnani 5 gennaio 2019 a 23:04 #

      Benvenuta Mariella, m’incuriosiscono le tue orme “sonore” 🙂
      ml

  7. gabrieleromano 5 gennaio 2019 a 19:18 #

    l’abituale cacciatore… 😀
    un ottimo post

  8. miaeuridice 6 gennaio 2019 a 09:08 #

    Invece ieri ho trovato tracce di uccellini affamati e di gatti girovaghi.

    • massimolegnani 6 gennaio 2019 a 10:25 #

      Emoziona sempre trovare segni del passaggio di esseri silenziosi
      Ciao Eurix
      ml

  9. Stefi 6 gennaio 2019 a 20:40 #

    Lo sai che ad assaggiare le parole poi viene una fame da …..volpi? 😉

    • massimolegnani 6 gennaio 2019 a 23:36 #

      ahah, sì la volpe ha sempre fame e l’uva non è mai matura 🙂
      buona serata Stè
      ml

  10. newwhitebear 6 gennaio 2019 a 21:38 #

    un lettore insonne, insomma, come la volpe che ha banchettato coi dormienti sul tasso.
    Piccole soddisfazioni diurne
    Serena serata

  11. Ghiandaia blog 7 gennaio 2019 a 09:15 #

    Io amo i ghiri, anche se non mi permettono di dormire, perché vivono nel mio sotto tetto, ma ora sono in letargo. Intorno a casa circolano le volpi e saltano di continuo i caprioli.🐿🐀🐇

  12. Rincorrendo foglie gialle nel vento 7 gennaio 2019 a 15:06 #

    La delicatezza che hai nel descrivere immagini e sensazioni è sempre notevole. Riesci a dare una pennellata personale e dotata di grande sensibilità anche a quei piccoli gesti che molti danno per scontato. E’ bello vedere che qualcuno ancora si emoziona per le piccole cose…
    Ti auguro una buona giornata,
    Giulia.

  13. mocaiana 7 gennaio 2019 a 16:35 #

    Un post bellissimo…

  14. ninaops 8 gennaio 2019 a 21:24 #

    quanta delicatezza, sempre.
    un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: