tre-ana-3

8 Feb
P1010034

c.calati

P1010037

c.calati

 

 

Mi piacciono queste tre ragazze accovacciate sul pontile come fosse ferragosto. Vociano e ridono. Dalla riva non sento ciò che dicono né vedo ciò che sono, belle, brutte, giovani, più avanti negli anni, ma che importanza ha? Belle lo sono a prescindere dall’estetica, giovani indipendentemente dall’anagrafe. Le immagino venute qui,  dopo il lavoro o dopo scuola, frettolose, infreddolite e stanche a catturare l’ultimo sole prima che fosse troppo tardi.

Mentre le guardo, tre anatre mi traversano lo sguardo. Mi colpisce come una rivelazione il frammento di parola, quell’ana da farmacisti, l’equivalenza delle dosi e delle cose. Placide le anatre pigolano sotto riva come le ragazze sul pontile. E non c’è nulla d’irriverente a dire ana, sento l’uguaglianza tra chi sta a pelo d’acqua e chi è appena sopra, le stesse dosi di inconsapevole bellezza. Loro sei non lo sanno ma da protagoniste partecipano al perfetto equilibrio dell’attimo: fanno più vivo il lago, danno un senso al sole in  questo breve pomeriggio d’inverno.

 

Annunci

71 Risposte to “tre-ana-3”

  1. quarchedundepegi 8 febbraio 2019 a 11:24 #

    Belle le foto… davvero, e bello quello che hai scritto.
    BUONGIORNO.
    Quarc

    • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 12:49 #

      grazie Quarc
      a girovagare in bicicletta si colgono istanti irripetibili
      buona giornata a te
      ml

  2. fleurerose 8 febbraio 2019 a 11:54 #

    … bellissima immagine 🙂

  3. fleurerose 8 febbraio 2019 a 11:56 #

    P.s. Lo scrivo qui, il libro è arrivato! L’ho iniziato a leggere, lo porto sempre con me, con la fiacca di questo periodo, ci metterò una vita a finirlo! Però arrivata in fondo, ti farò sapere cosa ne penso. Mi sono sempre interessati i fenomeni terroristici, sia dal punto umano/sociale che politico. Un abbraccio

  4. Domenico Aliperto 8 febbraio 2019 a 12:01 #

    quanto ti piacciono le pollas3lle

  5. Donatella 8 febbraio 2019 a 12:17 #

    Come si dice? Sciarada? Rebus? Anagramma? Non son brava con l’enigmistica ma mi piace questo tuo gioco di parole, delicato più che irriverente … ma l’ana proprio non la conoscevo!

    • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 12:58 #

      non so nemmeno io come si può definire questa scomposizione della parola 🙂
      l’ana è la parità di dosi, di solito riferita a farmaci (oh, io che insegno cose alla sorellona!)
      un abbraccio e un grazie, Dona
      io

  6. Valeria Minciullo 8 febbraio 2019 a 12:33 #

    Bella la foto delle tre ragazze sospese sul lago. Una mi sa che si è accorta che le stavi fotografando 🙂 “e mo che vuole questo signore in bicicletta?”

    • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 13:01 #

      eheh, mi sa che hai ragione, ricordo che una s’era voltata verso di me (era una ragazza o un’anatra? chissà)
      ciao Valeria 🙂
      ml

      • Valeria Minciullo 8 febbraio 2019 a 13:16 #

        Eh, giusto, da quella distanza difficile riconoscere se erano belle, brutte, ragazze o anatre 😉

      • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 13:45 #

        ma, a non riuscire a riconoscere, riesci a vedere quel che preferisci 🙂

  7. Mr.Loto 8 febbraio 2019 a 13:18 #

    Quanta poesia nel tuo cuore…

  8. lamelasbacata 8 febbraio 2019 a 13:27 #

    Un gioco di parole sapiente per palati fini! Purtroppo ormai né i giovani farmacisti né i giovani medici conoscono più queste formulette.
    Ricambio il favore con un acronimo che, a ben guardare, ti si addice molto: MFSA 😊

    • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 13:50 #

      Mela, io faccio lo smargiasso fingendomi erudito, faccio l’enigmatico enigmista spezzando una parola, ma poi casco come una pera cotta davanti al tuo acronimo di cui non trovo il bandolo e anche barando non ne vengo a capo che wikipedia mi segnala solo un sistema finanziario maltese. 😦

      • lamelasbacata 8 febbraio 2019 a 13:52 #

        Mescola e Fai Secondo Arte
        😊😊😉

      • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 14:14 #

        Ahah, non ci sarei mai arrivato, pensavo a qualcosa a cavallo tra farmacia e medicina!
        Ti abbraccio, grazie amica cara 🙂

      • lamelasbacata 8 febbraio 2019 a 14:17 #

        In effetti è esattamente quello! È

      • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 14:42 #

        Ho brancolato, poi con aiutini e aiutoni ci sono arrivato 🙂

      • lamelasbacata 8 febbraio 2019 a 14:43 #

        😊

      • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 15:25 #

        🙂

      • lamelasbacata 8 febbraio 2019 a 14:19 #

        …. la chiosa al fondo delle ricette magistrali galeniche, una sorta di incitamento del medico al farmacista, fai tu che sai.
        Un abbraccio grande!

      • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 14:41 #

        ah ecco avevo una vaga reminiscenza 🙂

  9. Giuliana 8 febbraio 2019 a 14:51 #

    Un quadro struggente di bellezza

  10. rodixidor 8 febbraio 2019 a 15:42 #

    Io avrei tentato un titolo palindromo: 3 ana 3

    • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 15:52 #

      e hai ragione
      d’altronde tu sei un esperto di palindromi 🙂
      io temevo di risultare incomprensibile
      ciao rodix 🙂
      ml

    • Stefi 10 febbraio 2019 a 22:58 #

      Rodix, con la mente mi fai tornare ad altri tempi quando ci si sfidava a mettersi in gioco. Con un titolo così ti avremmo beccato subito, concordi ml? 😊

      • massimolegnani 10 febbraio 2019 a 23:17 #

        eheh sarebbe stata la sua firma, qualunque cosa avesse scritto sotto quel titolo 🙂
        ml

      • rodixidor 12 febbraio 2019 a 18:15 #

        🙂

  11. lepastelbleu 8 febbraio 2019 a 15:52 #

    BELLO BELLO BELLO BELLISSIMO! da antispescista quale sono mi congratulo con te con tutto il cuore di umana ma anche di animale femmina. Trovare in ogni essere vivente la stessa aspirazione alla gioia e al desiderio di condivisione è il seme della saggezza. BRAVO!

    • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 16:03 #

      oh, Margot, quanto entusiasmo nelle tue parole e quanto slancio solidale!
      ti abbraccio, con vera riconoscenza
      un sorriso
      ml

  12. Primula 8 febbraio 2019 a 16:42 #

    Una miscela poetica fatta da un abile farmacista di immagini e parole quale sei: dosi le quantità con il cuore negli occhi e il risultato è far provare un sentimento di profonda armonia. ❤️

  13. elettasenso 8 febbraio 2019 a 18:35 #

    Meraviglioso equilibrio di un attimo ❄❄❄

    • massimolegnani 8 febbraio 2019 a 19:08 #

      Sì c’era uno straordinario quanto fugace equilibrio tra tutte le componenti di quel quadro mobile 🙂
      Buona serata, Eletta
      ml

  14. mocaiana 8 febbraio 2019 a 19:27 #

    Belle a precindere è poesia pura

  15. Walter Carrettoni 8 febbraio 2019 a 22:20 #

    Mi piace questo tuo modo di fermarti e cogliere l’attimo. Spesso vorrei averne tempo anch’io. Dovremmo averne tempo tutti noi che abbiamo la capacità di vederlo, quell’attimo.
    Un saluto.

    • massimolegnani 9 febbraio 2019 a 01:40 #

      a volte è questione di fortuna, ti fermi per un caffè o una sigaretta o una chiamata e ti accorgi che proprio lì sta capitando qualcosa di bello.
      certo bisogna avere gli occhi sensibili 🙂
      ciao Walter
      ml

  16. Sara Provasi 8 febbraio 2019 a 22:59 #

    Che belle immagini e riflessioni, mi piace in particolare quella sulla distanza da cui non si distinguono i dettagli 💙

    • massimolegnani 9 febbraio 2019 a 01:46 #

      penso che in alcune circostanze perdere i dettagli aiuta a concentrarti sull’essenza.
      e in altre occasioni capita l’opposto, puoi cogliere solo un dettaglio e da questo cerchi di risalire all’essenziale 🙂
      buonanotte Sara e grazie dell’apprezzamento.
      ml

  17. Maria 8 febbraio 2019 a 23:14 #

    Che bello 😍 tre, tre ancora… sarebbe bello dare a loro questa foto! Un bel quadretto, anzi, terzetto 😀 . Bellissimo e tranquillo anche il posto… mi hai fatto venire voglia di sedermici lì, in quella bella pace.

    • massimolegnani 9 febbraio 2019 a 01:50 #

      anche l’inverno ha i suoi vantaggi, vedessi questo stesso luogo, così pacifico e intimo, in estate è un carnaio chiassoso.
      sì, sarebbe bello fargli avere la foto, ma non ho idea chi fossero!
      ciao M.aria
      un sorriso
      ml

      • Maria 9 febbraio 2019 a 01:57 #

        Immagino!
        Un sorriso e una buonanotte a te, Massimo 🌸

      • massimolegnani 9 febbraio 2019 a 09:50 #

        🙂

  18. newwhitebear 9 febbraio 2019 a 21:55 #

    tre anatre, tre ragazze che misteriosa combinazione hanno visto i tuoi occhi

  19. tramedipensieri 9 febbraio 2019 a 23:11 #

    Che pace queste immagini….
    Incantevoli

  20. biondograno70 10 febbraio 2019 a 17:05 #

    …e lo capisco esattamente, così come lo descrivi… come lo abiti, come ce ne fai parte e noi …. a un passo da quel lago… dal pelo dell’acqua, che poi sia ala o pelle che importa… è quell’incastro quasi perfetto che non ce la racconta, ma ce ne mostra.

    un abbraccio

    m.

    • massimolegnani 10 febbraio 2019 a 18:40 #

      Sì è quell’incastro, ala o pelle poco importa
      Soddisfatto dalla tua lettura, ti abbraccio:)
      Ciao m.
      ml

  21. LaDama Bianca 10 febbraio 2019 a 19:31 #

    Sei personaggi in cerca d’autore.
    Ed ecco che sei arrivato tu 🙂

    • massimolegnani 10 febbraio 2019 a 20:58 #

      È vero! Sono arrivato al momento giusto, fossi arrivato prima le avrei viste giungere alla spicciolata e non sarebbe stata la stessa cosa, fossi arrivato dopo magari le anatre si erano già allontanate 🙂
      Buona serata, Dama
      ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: