la spinta

2 Set

by web

 

 

A tutta prima l’ho scambiato per un poliziotto, la moto di traverso sul ciglio della strada, il casco bianco in testa, il palmo della mano teso in avanti in un esplicito gesto di stop e soprattutto il faccione tondo tra il dignitoso e il preoccupato.

Sto risalendo un viale in discreta pendenza e l’ora è ancora calda, mi fermo malvolentieri, pronto a esibire i documenti. Solo allora mi accorgo che non è un poliziotto ma un motociclista in panne.

Mi si è scaricata la batteria, ho bisogno di una spinta.

Lo dice serafico, come fosse ovvio che sia io quello che gli darà una spinta. Ribatto che potrebbe approfittare della discesa, spingere da solo la moto e saltarci sopra una volta che questa si è accesa. Lui scuote tranquillo il capoccione:

Non mi fido a saltare sulla moto in corsa. È meglio che mi spingi tu.

In effetti ha una pancia non indifferente e un aspetto poco atletico. Però mi urta il suo tono pacato che non ammette repliche. Gli faccio notare le scarpette da bici:

Con questi tacchetti non riuscirei a far presa sull’asfalto.

Non ti preoccupare, ce la farai. Una spintarella e via.

Lui si è già piazzato in sella e attende “pazientemente” che io mi decida. Finge di non sentire le mie imprecazioni mentre appoggio la bici a un albero.

La prima spinta è un disastro, scivolo con le scarpette e picchio un ginocchio sull’asfalto.

Metti i piedi sul bordo della strada: sulla terra farai più presa.

Pure i consigli mi dà ‘sta palla di lardo. Comunque provo a fare come mi ha suggerito e riesco a spingere con un po’ più di forza. Ma la moto non parte.

Al terzo tentativo, infruttuoso come gli altri, mi ribello:

Senti, non ce la faccio più. Basta.

Su, non demoralizzarti, sei sulla strada buona. Ancora uno sforzo e ce la facciamo.

No, basta. Cercati qualcun altro.

Il ciccione non demorde. Mi indica un gruppetto di persone poco lontano e con una faccia di bronzo incredibile mi dice:

Se vuoi puoi chiedere a quelli che vengano a darti una mano.

Questo è il colmo, dovrei andare io a chiedere aiuto mentre lui dirige le operazione con il culone ben incollato alla sella!

Esplodo un vaffanculo stereofonico al suo indirizzo e do uno spintone di rabbia alla moto.

Mentre torno alla bici sento dapprima un tossicchiare asfittico, poi uno scoppiettio irregolare e infine il  rombo deciso della moto rediviva.

 

 

 

44 Risposte a “la spinta”

  1. Walter Carrettoni 2 settembre 2019 a 22:16 #

    Vedi che alla fine ce l’hai fatta… Dovevi solo crederci…

    • massimolegnani 2 settembre 2019 a 23:30 #

      vero?
      comunque la prossima volta proverò subito col vaffa
      🙂
      ciao Walter
      ml

  2. Valeria Minciullo 2 settembre 2019 a 22:31 #

    E manco un grazie?

    • massimolegnani 2 settembre 2019 a 23:32 #

      un vago agitare della mano mentre si allontanava!
      buonanotte Valeria 🙂
      ml

      • Valeria Minciullo 2 settembre 2019 a 23:38 #

        E nessun dito medio all’orizzonte, spero, per rispondere al tuo saluto 😉 Buonanotte, Massimo!

      • massimolegnani 2 settembre 2019 a 23:42 #

        🙂

  3. Biagina Danieli 2 settembre 2019 a 23:03 #

    Troppo forte…. Mi hai fatto tornare il sorriso…

  4. coulelavie 3 settembre 2019 a 07:02 #

    L’immenso potere catartico e non solo del vaffanculo! 😀

    • massimolegnani 3 settembre 2019 a 17:27 #

      Vero! È successo proprio così, dove non poté la (scarsa) forza, poté un sano vaffanculo.
      🙂
      ml

  5. Giuliana 3 settembre 2019 a 07:05 #

    Siamo sempre il paese delle spintarelle e della maleducazione 😉

  6. Ehipenny 3 settembre 2019 a 08:37 #

    Dovevi partire subito con il vaffa, occhio però che magari la prossima volta è davvero la polizia 😅

    • massimolegnani 3 settembre 2019 a 17:30 #

      Ahah, hai ragione e la polizia non gradirebbe un vaffa così di presentazione:)
      ml

  7. sibillla5 NADIA ALBERICI 3 settembre 2019 a 10:13 #

    la perseveranza e la spinta emotiva!!! è quello che ci fa andare avanti nelle cose…molto carina davvero!!!

  8. newwhitebear 3 settembre 2019 a 16:22 #

    dovevi incavolarti di brutto perché la moto prendesse paura di te e decidesse di filare via.

  9. pino 3 settembre 2019 a 19:42 #

    Strano che non ti abbia chiesto di trainarlo con la tua bici 🙂

    • massimolegnani 3 settembre 2019 a 20:50 #

      Ahah
      Con la faccia tosta che aveva sarebbe stata la richiesta de la moto non fosse ripartita.
      Ciao, Pino
      ml

  10. elettasenso 4 settembre 2019 a 11:43 #

    Bel caratterino, simile al mio. Si dà volentieri una mano a chi la chiede con cortesia, un per favore e un grazie. Buona giornata caro

    • massimolegnani 4 settembre 2019 a 20:17 #

      Ma io, la mano, non l’ho data volentieri perché la sua cortesia era solo formale e nella sostanza era un tipo arrogante.
      🙂
      Buona serata, Eletta
      ml

      • elettasenso 5 settembre 2019 a 14:59 #

        Esatto. Ci vuole cortesia anche nel chiedere. Buona giornata caro

      • massimolegnani 5 settembre 2019 a 22:19 #

        buona serata a te 🙂

  11. quarchedundepegi 4 settembre 2019 a 13:29 #

    Dicono che il mondo è bello perché è avariato… o no?
    Ti ha almeno ringraziato?
    Buon Pomeriggio.
    Quarc

    • massimolegnani 4 settembre 2019 a 20:20 #

      Mah, ha fatto un gesto che poteva essere un saluto, un grazie o un controvaffa:)
      Buona serata Quarc
      ml

  12. Neda 4 settembre 2019 a 14:41 #

    Forse, per esperienza, sapeva che se ti fossi “incaz…incavolato” la spinta sarebbe stata proficua.

    • massimolegnani 4 settembre 2019 a 20:22 #

      eheh, sicuramente era un furbacchione:)
      Ciao Neda
      ml

      • Neda 5 settembre 2019 a 07:50 #

        Un tantinello mal-educato…

      • massimolegnani 5 settembre 2019 a 08:23 #


        🙂

  13. Ghiandaia blog 5 settembre 2019 a 10:18 #

    Che muscoli ! Complimenti!🚲🚲🚲

    • massimolegnani 5 settembre 2019 a 22:18 #

      eheh, quasi quelli di Braccio di ferro, e io non avevo nemmeno mangiato gli spinaci 🙂
      ciao Lucia,
      ml

  14. ithemorrighan 10 settembre 2019 a 09:22 #

    Alle volte il vaffa risolve tutto!

  15. cuoreruotante 30 settembre 2019 a 14:55 #

    Tutto è bene quel che finisce bene 😁

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: