il crampo del lettore

30 Dic
c.calati

                               

Più dello schermo anonimo amo un libro da tenere vivo tra le mani, perchè sono pelle da decifrare i caratteri di carta. 


Il fruscio della pagina è seta che scivola alle dita, e già vorresti essere oltre, alle parole nude che svelano le forme ai personaggi e la trama al testo. Come un amante combattuto tra la frenesia per il corpo tutto e la sensualità della lentezza a sciogliere nodi e segreti, vorresti andar veloce e allo stesso tempo rallentare, soffermarti, divagare, che è profumo da fiutare il piombo, mai uguale, come pure l’odore della carta e il suo colore che può essere bianco virginale o sfumare in un ocra consumato (violato?) da tanti occhi prima dei tuoi. Ogni dettaglio è bello attorno a un libro, il silenzio ricco di tacite voci, il tema che ti avvince,  il tempo sospeso che tutt’intorno svapora, la comodità della poltrona che si fa barca nel mare di parole; sono belli anche il pizzicore al naso e gli starnuti a raffica se stai leggendo pagine vecchie che nascondono acari di carta, magari uno sgualcito Mondadori, sai i Medusa verdi acquistati su una bancarella dell’usato, o un libro di tuo nonno senza più la copertina. Anche il crampo del lettore è bello, la contrattura della mano che ti assale all’improvviso se per troppe ore reggi tra le dita il dorso del romanzo. Quindi una breve pausa è necessaria a rilasciare i muscoli del pollice e a ripristinare le narici, come quando a metà tornante ti si bloccano le gambe e di colpo il fiato si fa  sfatto  e allora ti fermi per un poco. Una breve pausa necessaria, sì, ma poi con più emozione riprendi la salita e la lettura.

38 Risposte a “il crampo del lettore”

  1. pocamemoriarom 30 dicembre 2020 a 10:53 #

    Il crampo mentale del lettore esteta. Ma i libri sono belli anche da leggere.

  2. sibillla5 NADIA ALBERICI 30 dicembre 2020 a 12:45 #

    molto bello!

  3. maxilpoeta 30 dicembre 2020 a 20:59 #

    anch’io sebbene ami la tecnologia all’impazzata, le letture preferisco farle sulla carta, il piacere di un libro, o anche di una rivista, fra le mani, è ben diverso che far scorrere delle righe su un tablet, poi anche a livello di vista è molto meno stancante…

    • massimolegnani 30 dicembre 2020 a 22:03 #

      anch’io ho provato a usare il tablet ma è stancante per la vista e mancante dei contorni che ci sono attorno a un libro.
      ciao Max 🙂
      ml

  4. @didiluce 30 dicembre 2020 a 21:19 #

    Il profumo della carta… 🥰
    Ho dovuto cedere, mio malgrado, alla fredda tecnologia 🤓
    P.S.: non vedendo più tuoi post nel lettore WP sono andata a cercarti e mi sono accorta che WP ti aveva cancellato dai miei blog seguiti 😕 🌹

    • massimolegnani 30 dicembre 2020 a 22:04 #

      WP si prende troppe libertà 🙂
      grazie di essermi venuta a cercare 🙂
      ml

      • @didiluce 30 dicembre 2020 a 22:07 #

        WP, sono seria, dovrebbe fare più attenzione ed evitare figure barbine ai propri utenti.
        🙂🌹

      • massimolegnani 30 dicembre 2020 a 22:29 #

        d’accordissimo 🙂

  5. vittynablog 30 dicembre 2020 a 22:10 #

    Come scrive Erri De Luca, non c’è niente di meglio che aprire un libro, alzare gli occhi in alto della pagina a sinistra…e tutto un mondo può aprirsi ( questo l’ho aggiunto io )

    Buon 2021 carissimo Massimo!!!

    • massimolegnani 30 dicembre 2020 a 22:32 #

      quanto mai appropriata la citazione di DeLuca e la tua aggiunta che sottoscrivo.
      grazie Vitty, buon anno a te, e che sia quantomeno accettabile 🙂
      ml

  6. Un cielo vispo di stelle 30 dicembre 2020 a 23:17 #

    Quanto è vero quello che dici e come lo dici bene. Un libro vissuto, ingiallito, sgualcito, passato di mano, segnato, sottolineato (!),.. quante cose può raccontare di sé e di chi l’ha stretto fra le mani? (a un tratto non sei più da solo) La cosa può anche essere avvertita come un problema, un’invadenza eccessiva, quando inconsciamente ti trovi a pesare di più i paragrafi rimarcati… o come quella volta che aprendo un’edizione de La quinta colonna, acquistata di seconda mano a una bancarella lessi un lapidario “noiosetto”, vergato a matita sulla seconda di copertina… :-))

    • massimolegnani 31 dicembre 2020 a 01:25 #

      sì, a me capita con i libri che mi ha lasciato una mia zia, libri vissuti, consumati e commentati. non sempre mi trovo d’accordo con le sue parole eppure il fatto di trovarle lì a matita a bordo pagine mi fanno sentire più “caldo” il libro.
      buon anno, Paolo, lieto di questa reciproca lettura
      ml

  7. Bloom2489 31 dicembre 2020 a 01:52 #

    Eh sì sono d’accordo!

    • massimolegnani 31 dicembre 2020 a 10:58 #

      sono contento di questa concordanza senza se e senza ma 🙂
      che sia per te un buon anno il prossimo, Bianca
      ml

      • Bloom2489 31 dicembre 2020 a 11:46 #

        Grazie Massimo, questo sembra poco un fine anno, la sensazione del lockdown e della pandemia che non è ancora finita fa sembrare poco che “stia finendo qualcosa”. La mia sfida di oggi è cogliere questo passaggio che per ora mi sembra solo convenzionale 🙂 Questo non significa che non si stappa e non si brinda 😄 Felice 2021 a te!

      • massimolegnani 31 dicembre 2020 a 12:45 #

        però, a bene vedere questo è un fine anno più autentico di altri, con il desiderio che abbiamo tutti di lasciarcelo alle spalle
        brinderò con una “bianca” bottiglia di Gewurztraminer d’Alsazia 🙂

      • Bloom2489 31 dicembre 2020 a 16:34 #

        Sicuramente… Anche se personalmente non lo posso condannare del tutto, mi ha portato anche delle cose molto positive 🙂
        Io invece un rosso Brachetto 😊

      • massimolegnani 31 dicembre 2020 a 16:52 #

        meglio così 🙂
        cin 🙂

  8. T 31 dicembre 2020 a 02:36 #

    tutto. Anche gli acari sono belli ❤

  9. franco battaglia 31 dicembre 2020 a 10:35 #

    Io mi impicco a letto, di solito, trovare la posizione diventa test acrobatico, ma al bagno o in poltrona, si legge da dio.. seduto ad un tavolo, praticamente mai.. 😉 Auguri per infinite letture, intanto!!

    • massimolegnani 31 dicembre 2020 a 11:02 #

      nemmeno io uso mai il tavolo come appoggio, il libro va tenuto in mano, costi quel che costi 🙂
      grazie, Franco, un buon leggere anche per te
      ml

  10. pagsy7 31 dicembre 2020 a 15:55 #

    Mi piace!Moltissimo! L’essenza della lettura e… il crampo del lettore che vi contribuisce.

    • massimolegnani 31 dicembre 2020 a 16:51 #

      sì il crampo è un piccolo sacrificio a una piacevole lettura 🙂
      grazie Pagsy
      ml

  11. elettasenso 31 dicembre 2020 a 17:48 #

    Un magnifico testo sul nostro mondo di lettori di pagine di carta

  12. newwhitebear 31 dicembre 2020 a 22:54 #

    La carta è speciale ma a volte non è possibile, quando hai esauriti gli spazi fisici.
    I libri verdi della Medusa? Li conservo come reliquari.
    Un sereno Anno Nuovo

    • massimolegnani 31 dicembre 2020 a 23:22 #

      ecco, anche i Medusa ci accomunano 🙂
      che sia un anno felice, o almeno soddisfacente, GianPaolo
      ml

  13. amleta 8 gennaio 2021 a 04:20 #

    Non solo il crampo alla mano ma anche un dolore al gomito. 😄 Io ho scoperto l’odore dei libri vergini e impolverati, odore di carta, muffe, pagine mai sfiorate, nella biblioteca del mio paese. I Mondadori volumi blu coi fogli sottilissimi, gli Adelphi morbidi, i Sellerio toccati solo dall’umidità… Ionon riesco a leggere su uno schermo perchè non posso annusa e toccare, non posso sognare, ricordare, e desiderare ancora e ancora e ancora nuove storie e nuovi amici per le mie “notti bianche” 🤗

    • massimolegnani 8 gennaio 2021 a 11:14 #

      ecco, io non l’ho nominato perchè credevo fosse un problema solo mio, tu mi dimostri che esiste il “gomito del lettore”, disturbante come quello del tennista 🙂
      per il resto sottoscrivo ogni tua bella parola.
      grazie Amleta del tuo intervento
      ml

  14. elettasenso 4 febbraio 2021 a 09:14 #

    Completamente d’accordo. Odore tatto… Tra poco anch’io potrò ritenere fra le mani questo corpo cartaceo carnale 🌹

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: