il vino, il pane e le parole (5?)

8 Apr
c.calati

                                             

Una trasvolata atlantica, pionieri come Lindbergh, una migrazione di anatre stremate, un peregrinare medioevale sulla via francigena, dov’è più facile morire che arrivare vivi a Roma.

È questo il nostro viaggio.

Difficile non è spiccare il volo, ma mantenersi lievi in aria e camminare in equilibrio sulla terra.

Il vino, il pane, le parole, e amori, pianti, nostalgie, qualche sorriso, sono le stelle che ci guidano. Scrutiamo il cielo, Sirio, Cassiopea, per non vedere il mare dove affogano le anatre, arrese alla fatica. Anche tra noi qualcuno schianta.

Ma resistiamo al sole che ci cuoce, al buio che c’inghiotte. Il nostro aereo di tela e di coraggio riprende quota, torniamo a esser Lindbergh.

Ci rincuoriamo, spezziamo il pane, ci scambiamo il vino, dai ce la faremo.

Devi però sapere, piccola mia, che il nostro arrivo non sarà il trionfo di Parigi, ma solo poca terra smossa e qualche petalo disperso sulla fossa.

Anatra, pioniere o scannato pellegrino.

57 Risposte a “il vino, il pane e le parole (5?)”

  1. massimolegnani 8 aprile 2021 a 11:39 #

    c’è poco da fare, ogni volta che inciampo in questo brano cedo alla tentazione di correggere qualche parola e ripubblicarlo.
    chiedo scusa per la noia.
    ml

  2. pino 8 aprile 2021 a 12:13 #

    C’è sempre qualcuno che non l’ha letto: quindi, ben vengano le tue ripubblicazioni. Un saluto…

  3. vittynablog 8 aprile 2021 a 13:40 #

    Una metafora della vita bellissima. Ma quanto sei bravo!!!! ❤

    • massimolegnani 8 aprile 2021 a 15:15 #

      ecco, l’ho appena detto ed è arrivata la tua calda condivisione!
      grazie davvero, Vitty
      ml

  4. Dona 8 aprile 2021 a 14:32 #

    Amara trasvolata poetica
    Seguirò le tue parole e, come la Croce del sud, mi aiuteranno a mantenere la rotta

    • massimolegnani 8 aprile 2021 a 15:18 #

      tu invece credo le avessi lette tutte le quattro o più edizioni passate, ma trovi sempre parole nuove di supporto 🙂
      grazie Dona,
      io

  5. whitebutterfly 8 aprile 2021 a 16:24 #

    Io non conosco le altre versioni e quindi su di me trovi terreno fertile ma non terra smossa. La tua è una versione estremamente malinconica (sto cominciando a notare che un velo di malinconia caratterizza alcuni tuoi racconti). Penso che non sia del tutto male, a volte la malinconia ci porta a guardarci dentro e a riflettere di più sul significato di alcune cose e valori. Però per me le parole sono importanti, così come lo sono un buon vino e un buon pane (credo che anche qui tu abbia voluto dargli un significato simbolico). Ciao Massimo.

    • massimolegnani 8 aprile 2021 a 19:15 #

      sai cosa pensavo? che questo brano è l’altra faccia della stessa medaglia del tuo “oggi non voglio morire”. Anzi no, è la medesima faccia, perchè entrambi, il mio e il tuo, sono un inno malinconico alla vita, un attaccamento a questa pur avendo entrambi presente quale sia l’esito finale di questa.
      sì il pane, come il vino (ma anche le parole, tipo quelle che ci scambiamo leggendo e commentando) hanno un significato simbolico (non tanto religioso quanto laico come gesti di solidarietà, spezzo il pane per un amico, gli verso da bere, in una comunione laica)
      ti ringrazio per la lettura e le parole 🙂
      ml
      (eheh, sì, sono spesso malinconico, ma so anche ridere)

      • whitebutterfly 8 aprile 2021 a 22:18 #

        Io ringrazio te per questo commento che mi ha fatto riflettere. Mi fa piacere che sai anche ridere, saper e poter ridere è un buon salvavita e non costa nulla 🙂
        an

      • massimolegnani 8 aprile 2021 a 23:12 #

        vero, e poi chi non sa ridere non è una persona seria!
        un sorriso

      • whitebutterfly 9 aprile 2021 a 22:39 #

        Questa è buona davvero! Un sorriso a te Massimo

      • massimolegnani 9 aprile 2021 a 23:00 #

        🙂
        buona serata Lila

      • whitebutterfly 9 aprile 2021 a 23:07 #

        Anche a te Massimo 🙂

      • massimolegnani 9 aprile 2021 a 23:14 #

        🙂

      • whitebutterfly 9 aprile 2021 a 23:22 #

        Ho commentato un tuo vecchio post del 2013, credo di aprile, che parla del glicine, una delle mie piante preferite. Al prossimo racconto Massimo 🙂

      • massimolegnani 9 aprile 2021 a 23:36 #

        ho visto e mi fatto piacere 🙂

      • whitebutterfly 10 aprile 2021 a 22:07 #

        A proposito di Glicine non so se tu abbia ascoltato la canzone cantata da Noemi a Sanremo, anche se non so se sia il tuo genere

      • massimolegnani 10 aprile 2021 a 22:37 #

        confesso che di Sanremo non so nulla, ma proverò a cercare la canzone in rete

      • whitebutterfly 11 aprile 2021 a 15:35 #

        Non sei obbligato. Sanremo a molti non piace e questa edizione ha fatto storcere il naso anche a me perché avevo previsto o almeno speravo che vincesse Ermal Meta con la sua splendida canzone (Senza nome). Io ho salvato questa, Glicine, Una canzone leggerissima di Colapesce e Martino e poi un pò fuori dagli schemi quella di Max Gazzè

      • massimolegnani 11 aprile 2021 a 15:55 #

        ho ascoltato Noemi, una canzone piacevole

      • whitebutterfly 11 aprile 2021 a 16:06 #

        Sono contenta che ti sia piaciuta

      • massimolegnani 11 aprile 2021 a 16:29 #

        🙂

  6. whitebutterfly 8 aprile 2021 a 16:37 #

    Mi puoi aiutare a ritrovare le altre versioni di questo racconto? grazie

    • massimolegnani 8 aprile 2021 a 19:21 #

      hanno tutte lo stesso titolo (tranne la parentesi) per cui se digiti il vino.. nella tendina del “cerca” in alto a destra, ti dovrebbero comparire.
      ma temo che resterai delusa, le differenze sono poche, qualche versione è più corta altre un po’ più lunghe, ma la sostanza resta quella 🙂

      • whitebutterfly 8 aprile 2021 a 22:21 #

        Le delusioni non mi piacciono molto, vedrò se vorrò rischiare 🙂
        Ciao Massimo, Lila e an
        p.s. una mia curiosità: viene prima il pane, le parole o il vino?

      • massimolegnani 8 aprile 2021 a 23:06 #

        come importanza? le parole! poi il vino (che aiuta le parole) infine il pane che fa legame 🙂

      • whitebutterfly 9 aprile 2021 a 23:20 #

        Comunque ottima scelta! Anche per me come importanza vengono prima le parole e scelte con cura.

      • massimolegnani 9 aprile 2021 a 23:35 #

        concordo, passione e rispetto per le parole (e non avremmo un blog se non mettessimo le parole al primo posto)

      • whitebutterfly 10 aprile 2021 a 22:06 #

        Vero! Anche se naturalmente meglio usarle non a sproposito.

      • massimolegnani 10 aprile 2021 a 22:38 #

        sicuramente no, per questo parlavo di rispetto 🙂

      • whitebutterfly 11 aprile 2021 a 15:35 #

        🙂

      • massimolegnani 11 aprile 2021 a 15:55 #

        🙂

  7. rodixidor 8 aprile 2021 a 16:49 #

    Bello.

  8. whitebutterfly 8 aprile 2021 a 22:39 #

    Tutto sommato leggendole tutte direi che mi piace di più questa tua ultima versione anche perché Roma è la città dove vivo. Ho letto che ti sei ispirato ad una canzone di Ivano Fossati. Intanto, buona serata. Lila

    • massimolegnani 8 aprile 2021 a 23:08 #

      sì, Lindbergh (l’ho riascoltata anche stasera!)
      buona serata a te, an (mi piace il minuscolo nei nomi)
      🙂

  9. franco battaglia 9 aprile 2021 a 11:24 #

    Grossi richiami, splendidi spunti di legame: il viaggio, la casa, il cibo, le parole, carta e penna.. bello..

    • massimolegnani 9 aprile 2021 a 13:22 #

      grazie Franco, sono contento delle tue parole di condivisione
      ciao 🙂
      ml

  10. elettasenso 9 aprile 2021 a 16:30 #

    Adoro questi tuoi testi brevi, così intensi…

    • massimolegnani 9 aprile 2021 a 19:21 #

      Grazie davvero, cara Eletta, sono contento 🙂
      ml

      • elettasenso 10 aprile 2021 a 10:16 #

        Buongiorno Massimo ❤️🌹

      • massimolegnani 10 aprile 2021 a 11:47 #

        buone passeggiate, Eletta 🙂

      • elettasenso 10 aprile 2021 a 11:50 #

        Qui tra poco nevica ❄️❄️❄️niente passeggiate oggi buon sabato ☃️

      • massimolegnani 10 aprile 2021 a 12:03 #

        😦

  11. newwhitebear 9 aprile 2021 a 20:57 #

    per me è nuovo. Dunque sei innamorato di questo pezzo?

    • massimolegnani 9 aprile 2021 a 22:31 #

      ci sono molto affezionato perchè mi ci rispecchio abbastanza 🙂
      contento che tu lo abbia letto,, GianPaolo
      ml

  12. Neda 10 aprile 2021 a 12:37 #

    Per me, voglio che mi brucino e spargano al vento le ceneri, che non rimanga nulla da custodire, di cui preoccuparsi, su cui spargere fiori o lacrime: si nasce, si vive (finché si è vivi) si muore, qualcuno lascia dietro di sé un seme che è prole, qualcun altro un segno, altri lasciano nulla.

    • massimolegnani 10 aprile 2021 a 13:40 #

      cenere o terra, così finiremo, ma finchè non è il momento viviamo la vita!
      un sorriso, Neda
      ml

  13. whitebutterfly 13 aprile 2021 a 15:26 #

    Ho ascoltato Lindbergh di Fossati, un pò per quello che dicevamo l’altra volta sull’importanza di scambiarsi parole e suggestioni e un pò perché sono molto curiosa (oltre a piacermi molto la musica). E’ davvero una bella e tenera canzone! Ciao Massimo
    an-Lila

    • massimolegnani 13 aprile 2021 a 17:19 #

      mi fa piacere, scambiare conoscenze e preferenze, può essere un arricchimento.
      ho inseguito con le mie parole l’atmosfera struggente di quel brano..
      ciao, buon pomeriggio an
      ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: