brevissime storie

13 Mag
c.calati

                                          

Gli ultimi anni erano stati una spirale a scendere nei meandri dell’inazione. Ormai rasentava l’immobilità assoluta, il distacco totale dalle cose. Unica distrazione, scorreva ogni giorno i necrologi per assicurarsi di non essere morto a sua insaputa.

Steso sull’erba osservava la fila operosa di formiche che incolonnate andavano dallo stelo di un fiore al formicaio, ciascuna con un compito da assolvere e con un carico da portare, sproporzionato alla sua mole. Guardando quei minuscoli animali improvvisamente capì di essere più piccolo di loro.

Al ritorno da un viaggio organizzato nel Nord Europa si sentiva frastornato. Aveva visto tanto e già ricordava poco, troppo rapidi gli spostamenti da un luogo all’altro. Inforcò la bicicletta per un giretto rilassante nei dintorni e senza badarci prese un viottolo mai fatto.

A chi gli chiese del viaggio, raccontò con entusiasmo dei fiori gialli cresciuti tra le pietre di un muretto a secco e di una lepre che quasi lo aveva fatto cadere.

17 Risposte a “brevissime storie”

  1. Franco Battaglia 13 Maggio 2022 a 10:20 #

    E’ vero: non conta la lontananza del viaggio, ma gli occhi che dedichiamo.. per dirla alla Calvino “Di una città non apprezzi le sette o settantasette meraviglie, ma la risposta che dà ad una tua domanda”

  2. pino 13 Maggio 2022 a 10:41 #

    Finalmente qualcuno che racconta l’essenzialità di un viaggio, che rimanda all’essenzialità e alla semplicità dell’esistenza! Non se ne può più delle mille fotografie e del miliardo di parole che ci inondano a ogni ritorno. Ad ogni evento. Finalmente qualcuno che si lascia catturare dalle piccole cose, come quei “fiori gialli cresciuti tra le pietre di un muretto a secco…” e che preferisce un “viottolo” di campagna per rilassarsi. Ciao 🙂

    • massimolegnani 13 Maggio 2022 a 17:36 #

      sono convinto che si debba gioire delle piccole cose, che, a differenza delle grandi sotto gli occhi di tutti, sei tu a scoprire.
      ciao Pino, ti ringrazio
      ml

  3. vittynablog 13 Maggio 2022 a 16:15 #

    Spesso e volentieri, a saper guardare, sono i particolari che rendono più belle e importanti le cose. In questo caso il viaggio 🙂

    • massimolegnani 13 Maggio 2022 a 17:38 #

      sono d’accordo con te, a far grande un “grande viaggio” ci devi mettere il tuo sguardo, scovare un dettaglio, un qualcosa di bello che solo tu vedi.
      buona serata Vitty
      ml

  4. newwhitebear 13 Maggio 2022 a 17:36 #

    brevissimi ma completi. Complimenti.

  5. Keep Calm & Drink Coffee 16 Maggio 2022 a 12:47 #

    Un viaggio inaspettato … anche per la lepre.
    Delicatezza e profondità risiedono nelle cose semplici.
    GRAZIE

    • massimolegnani 16 Maggio 2022 a 16:02 #

      eheh la lepre zizzagando s’inventa viaggi sempre nuovi.
      e sono d’accordo con te sul senso profondo delle cose semplici.
      ciao Keep
      ml

  6. elettasenso 24 Maggio 2022 a 17:43 #

    Che bello questo racconto 🐞💓

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: