Archive | diario RSS feed for this section

il torto della tortora, la grazia della gazza

16 Giu
foto

by c.calati

 

 

 

Torno sull’argomento, perché mi preme capire che cosa faccia la differenza tra simpatia e antipatia. In fondo sono due uccelli simili, stessa taglia, entrambi semi-domestici nel senso che non temono l’uomo e preferiscono i giardini ai boschi, medesimi spostamenti a breve raggio. Eppure per la tortora ho un’avversione viscerale, per la gazza fascino a pelle (e piume) Continua a leggere

cinque giorni a pedali

13 Giu
FullSizeRender

by c.calati

 

 

Sono un ciclista d’acqua dolce, datemi un fiume da accompagnare per un tratto, un lago da girarci attorno, e sono un uomo felice. Acqua dolce, che il sale ce lo metto io, a gocce di sudore ed è un sudore gioioso, il prezzo che pago volentieri per qualche giorno alla ventura. Continua a leggere

…e ora tocca a Giovanni

1 Giu
foto

by c.calati

Dopo il malinconico e spaesato Anacleto di Calvino, dopo il padre inorridito di un figlio alle prese col dramma esistenziale dei capelli, ora tocca a Giovanni, un poveraccio che ha la (s)fortuna di vincere al GrattaeVinci. Mai giocare, mai! Vero Elvira? Continua a leggere

storielle d’anatre

30 Mag

by c.calati

 

 

 

Da qualche giorno, salendo le ultime pietre dei gradini per andare a dormire, giusto al fondo della scala, mi trovo faccia a faccia con un gruppetto d’anatre. Le guardo e, sarà il torpore del sonno o il vapore del whisky, le vedo ogni volta differenti, ora animate, come in viaggio, ora in legno quali sono ma con ancora una parvenza vitale. E la mia mente balenga ecco che  ogni sera imbastisce giochetti sciocchi di parole, abbozzi di storielle, richiami di memoria, fantasie, scemenze. Continua a leggere

silenziosi passano i lettori notturni

26 Mag

photo by c.calati

 

 

Capita a volte, è successo anche questa notte, me lo ha detto wp, che qualcuno attraversi in silenzio le mie pagine. Non alludo a quelli che, attratti da qualche titolo equivoco, ciao bella figa o vedo nudo, restano poi delusi dal contenuto assai diverso dalle attese. No, mi riferisco ai pochi, misteriosi e taciturni, che entrano incerti o già sicuri, sapendo per intuito o conoscenza cosa troveranno, entrano e stanno, sfogliano quasi l’intero zibaldone, si soffermano su vecchi brani sepolti dalla polvere. Continua a leggere

il tasso della discordia

24 Mag
foto

by c.calati

 

 

Era poco più di un cespuglio quando siamo approdati qui l’altro ieri e sembra ieri che ho dovuto segargli un ramo perché ormai era cresciuto fino a impedirci il passaggio alla scaletta verso il prato basso. Ora è alto quanto la casa e folto come la capigliatura della Medusa, un intrico di rami che vanno dall’erba al cielo in un verde intenso di piccole foglie fitte. Il tasso  è diventato negli anni un crocevia non sempre pacifico per gli animali che bazzicano in giardino. Continua a leggere

sono partito da lontano

22 Mag

foto

 

 

Solo mia sorella, l’archivista di famiglia, poteva scovare questa foto. Continua a leggere