Archivio | diario RSS feed for this section

gennaio, questa foto

20 Gen

by Achille, Mau, Dona, c. Calati

 

 

È passata di mano in mano questa foto, anzi di fotocamera in fotocamera, l’originale, scattato da mio padre, era una diapositiva 6×6, quando per proiettarle se ne mettevano due alla volta su un telaietto metallico da far scorrere a mano. Continua a leggere

Annunci

cavalli a vapore

14 Gen

by c.calati

 

 

Il bello dell’inverno, le poche volte che vinco l’indolenza di guardare il mondo addormentato dietro i vetri, è quel pedalare forsennato contro il freddo, far bruciare i muscoli e congelare la mente in un nulla di follia Continua a leggere

sembra ottocento

10 Gen

by c.calati

 

 

Ha appena piovuto nel bosco, le foglie ancora gocciolano e la luce filtra tra gli alberi diffondendosi intorno senza ombre. Di fronte a me due donne, la madre e la figlia, stanno lì al centro del sentiero, immobili ed altere, provo a guardarle come sconosciute.  Continua a leggere

di vecchi alberghi di periferia

4 Gen
IMG_1357

by c.calati

 

 

Ho nostalgia in inverno delle squallide stanze dove mi rifugio d’estate, quando spossato dal tanto pedalare cerco qualcosa adatto al mio viaggiare leggero tra antichi borghi e laghi assonnati. Continua a leggere

acquerello d’appena prima di pranzo

28 Dic

by lepastelblue.wordpress.com (grazie)

 

 

Il fumo dai comignoli va a spandersi sui campi, una nuvola lanosa cancella il profilo alla collina, la pioggia lava la neve, briciole di pane sparse sul terrazzo per il becchettare infreddolito di cince e passeri, lo scheletro invernale degli alberi. Continua a leggere

A tavola

23 Dic

by t.legger

 

Qualcuno manca e sarà sempre un posto vuoto a tavola ed uno occupato al cuore. Continua a leggere

a spasso con Camilla

18 Dic
IMG_5131

by t.legger

 

 

Neve nei campi, un sole che ti dà un’illusione di tepore, aria frizzante e asciutta, umidità ai minimi storici. Impossibile resistere. Così, scarponi e guinzaglio, esco con Camilla. Prendiamo lo sterrato che costeggia il canale e che presto si fa sentiero, prima accanto all’acqua, poi a salire tra vigne addormentate e boschetti di gaggìa.   Continua a leggere