Archivio | i cento RSS feed for this section

ruminanti

12 Mag
dal web

                                                     

Sono la mucca che nella stalla riflette sui fatti della sua giornata. L’unico dato rilevante è stata l’erba strappata al prato con indolente frenesia, su questo adesso medita cavandola dal fondo del sacco addominale. Mastica quieta ciò che ha già mangiato, riconosce ogni filo d’erba replicando il piacere del pasto.

Continua a leggere

Susanna, seduttrice senza sosta*

10 Apr
by margherita calati

                                  

Sebastiano, sciocco satiro settentrionale, si sente sensuale. Sembra serpeggiare, serpente sdentato, se striscia sin sui suoi seni soavi; sussurra sornione: sei stupenda, Susy. Sei sempre splendida, selvaggina stanata, simbolo sessuale, Signora sontuosa.

Continua a leggere

breve brano vagabondo*

25 Mar
c.calati

                                                

Era un suonatore vagabondo, malmesso per l’età ma ancora attratto dalla stranezza del mondo. Andava controvento per le strade delle donne, senza possedere né denaro né decoro nè una sola nota davvero seducente, ma era fedele a un vago concetto d’amore evanescente, come una nuvola da guardare allegro senza temerne l’acqua.

Continua a leggere

primo giorno di Rosso*

15 Mar
by web

                                                 

Ubbidire? Riconoscere il senso proibito del rosso? Oppure fottersene? Soffrire in silenzio sul limite? O vedere tutto come un divertente gioco rischioso?

Continua a leggere

parole che mancano all’appello

7 Gen
by c.calati

Quelle sbriciolatesi nel difficile passaggio dal sonno alla veglia, non sai se sogni o pensi, tutto è perfetto, lapidario, scolpito nel marmo della mente, ma quando arrivi al foglio sono trucioli di legno, segatura.

Continua a leggere

eFFe*

27 Dic
by web

                                                            

Faticosamente Firenze funestata franava fra funerali frettolosi, fredde famigerate fosse , fetidi furti, forche, fughe.

Fuoriusciti, finimmo forestieri a Fiesole, fortezza franca.

Continua a leggere

l’ombra bianca degli alberi

31 Ago

c.calati

 

Mi piace l’ombra bianca che lasciano le piante sul selciato quando piove, mentre tutt’attorno il terreno si scurisce. Continua a leggere

resurrezione e sassi (revisione)

4 Ago

m.calati

 

 

 

E poi ritorneremo, terra sulla terra, sassi magari, levigati all’acqua, lavorati al vento, modellati dalla grandine. Continua a leggere

precari eroi

26 Giu

 

c.calati

Mi piacciono gli eroi che non lo sanno, e non lo sa nessuno che loro esistono, quelli senza bandiera e senza santi Continua a leggere

è tornata l’acqua nei canali

8 Mag

c.calati

Li avevo lasciati a marzo completamenti vuoti, il greto nudo di un’impudicizia sconveniente, perché il fondo conserva tutto quello che la gente ci butta dentro come fosse una pattumiera. Continua a leggere