Archivio | i cento RSS feed for this section

vino e caffè

15 Feb
c,calati

Fissava ora la bottiglia di vino, ora il macinacaffè arabo.

Continua a leggere

i colori del solstizio*

17 Dic
by c.calati

Giorno corto d’inverno, un orrendo nero avanza già a metà pomeriggio deturpando ogni immagine.

Continua a leggere

una lettera senza una lettera*

2 Dic
dal web

                                     

Caro amico di enigmistica a distanza,

Continua a leggere

brevissime d’autunno, nr.2

29 Nov
c.calati

È un’alternanza di giornate di sole che invitano all’aperto con giorni di pioggia che mi trattengono al chiuso ad apprezzare la stufa e i colori lucidi degli alberi da guardare al di là dei vetri.

Continua a leggere

i pioppi, le stoppie

26 Set
c.calati

                                              

Mi sono fermato in questo viottolo dietro casa, folgorato dalla bellezza dell’insieme e dall’apparente banalità dei dettagli.

Continua a leggere

la consolazione del salice

4 Ago
t.legger

                                           

Questo luglio così orribile è finito, ma non ha finito il suo ragno di intrecciare la mala tela. Cattura vittime e tesse drammi, il mio è stato il primo, sembrava enorme, ma in questo breve tempo di tragedie altrui è diventato il male minore. Una consolazione che non consola ma stordisce.

Continua a leggere

una rosa sola

27 Lug
c.calati

                                                   

Nello specchio di una foto mi vedo bella, una vanità che mi concedo raramente.

Continua a leggere

la collezionista*

22 Giu
c.calati

                                               

Clelia, cinquantenne colta e crudele, capelli corti, clavicole caparbie, cosce cortesi, coltiva con candore cinici cerimoniali.

Continua a leggere

prospektiva Nievsky (betulle mie, fanciulle immaginarie)

19 Mag
by c.calati

Esili fanciulle le betulle, la malinconia dei corpi pallidi, le speranze nascoste nelle chiome.  

Stanno lì, slanciate verso il sole, amanti dell’estate, chiare di pelle, fragili nel cuore.

Continua a leggere

ruminanti

12 Mag
dal web

                                                     

Sono la mucca che nella stalla riflette sui fatti della sua giornata. L’unico dato rilevante è stata l’erba strappata al prato con indolente frenesia, su questo adesso medita cavandola dal fondo del sacco addominale. Mastica quieta ciò che ha già mangiato, riconosce ogni filo d’erba replicando il piacere del pasto.

Continua a leggere