come monaci nel mondo

8 Ago
photo by c.calati

photo by c.calati

 

Sta ritto sui ciottoli bianchi quest’uomo quasi anziano e ancora asciutto come un giunco. Scruta il mare con un’intensità serafica, sembra un gabbiere alla ricerca della terra che pure sa ancora lontana. E quando distoglie lo sguardo dall’acqua è per osservare il cielo, le rocce muschiate, le piante mosse dal vento, per ogni cosa ha uno stupore contenuto, tutto guarda tranne le persone che gli stanno intorno. Quest’uomo è avulso dal contesto di piccolo carnaio nella spiaggetta riparata dagli sguardi indiscreti. È nudo, certo, come tutti qui, ma distante dal suo corpo e da quelli altrui. Lui sta nudo come dimentico di quella sua carne antica e di quel sesso circonciso e pendulo che non nasconde né esibisce. Ha qualcosa di mistico e autorevole, non certo di autoritario, che solo quando si muove tra i bagnanti al sole sembra accorgersi di loro e allora per ciascuno ha una parola di scusa o di saluto, sembra aggirarsi in un campo di battaglia a confortare i feriti e dar commiato ai morti. È una naturalezza nuda di pose e gesti che fatichi a immaginartelo vestito. E se proprio devo vestirlo gli metterei addosso un saio, perché mentre lo guardo mi torna in mente un luogo sacro appena visitato, Thoronet, e il canto gregoriano che fluiva misterioso tra le pietre romaniche. Ero nella sala capitolare, spoglia e magnifica, ascoltavo il canto e cercavo diffidente il trucco tecnologico che giustificasse quella voce sola così nitida e intonata. Ma non c’erano altoparlanti o altri ammennicoli moderni né tantomeno monaci che cantassero in quella sala.

c.calati

c.calati

Come un segugio attraversai un locale dopo l’altro, il refettorio, il chiostro, il dormitorio, tentando di risalire all’origine dei suoni, finchè mi ritrovai nella chiesa abbaziale. Lì un uomo, un semplice turista come altri con tanto di macchina fotografica al collo e camiciola a quadretti sgargianti, cantava nei pressi dell’altare senza alcun accompagnamento e senza l’aiuto di un microfono. Una meraviglia di echi e di rimbalzi sulle pietre la sua voce che si spargeva ovunque, una bellezza il canto. E anche lui avrei voluto vestire con un saio.

Annunci

14 Risposte to “come monaci nel mondo”

  1. Nerina 8 agosto 2013 a 11:17 #

    (il canto incanta– diremmo noi. come una nudità che sa vestire il tempo, e farne a meno)– bellissima pagina, Carlo.

  2. Nerina 8 agosto 2013 a 11:18 #

    (mi son permessa di linkarlo su FB)

    • massimolegnani 8 agosto 2013 a 12:01 #

      Nerina, desideravo la tua condivisione ed è arrivata subito
      (felice)
      c.

      • Nerina 8 agosto 2013 a 13:10 #

        [bacio]

  3. the pellons' 8 agosto 2013 a 20:44 #

    Nostalgia del gregoriano. D quando disponevo della mia vita e lo cantavo. Grazie!

  4. gelsobianco 9 agosto 2013 a 09:48 #

    La bellezza mistica della nudità più pura e del canto gregoriano più nudo è totalmente condivisa da me in un silenzio di stupore.
    Grazie, ml.
    gb

    • massimolegnani 9 agosto 2013 a 13:12 #

      hai colto l’essenza del brano, gb, nudità e canto limpidi
      grazie
      ml

  5. mitedora 12 agosto 2013 a 07:10 #

    La nudità incentiva l’eleganza dell’anima. Solletica la percezione del bello attorno. Stimola la ricerca del rifugio dell’essenza. E, il canto arriva vestito di tutta la sua armonia. Mi piace molto questo tuo post. Con gli anni si ricerca lo STUPORE contenuto, l’originaria NATURALEZZA. Grazie! Un saluto caro. Dora.

    • massimolegnani 12 agosto 2013 a 11:46 #

      nudità e canto, quando ben portati, realizzano l’essenza che dici.
      grazie a te, Dora.
      ml

  6. bakanek0 12 agosto 2013 a 13:46 #

    Ben ritrovato, mio caro C.! L’estate ci distrae e ritempra (si spera), ma leggere piacevoli incanti vale quanto una ventata d’aria fresca nell’arsura del primo pomeriggio. Il canto gregoriano suscita in me ricordi di scuola…sembra un’altra vita! Un abbraccio.

  7. harleyquinn86 12 agosto 2013 a 23:20 #

    Forse, li avresti vestiti con un saio perché, come dei monaci, lasciavano trasparire la serenità di chi possiede delle certezze. Forse, mentre i monaci godono della certezza della fede, l’uomo in spiaggia ha conquistato l’accettazione che non vi siano certezze (mentre leggevo, mi è piaciuto immaginare che fosse così). Molto bello.

    • massimolegnani 13 agosto 2013 a 10:27 #

      sì, emanavano entrambi serenità, nel corpo nudo e nel canto, una sorta di religiosità che prescindeva da una specifica fede.
      grazie e benvenuta
      ml

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: